Milan, il vero esame arriva ora, ma non è decisivo

Calendario finalmente in discesa per il Milan, ma guai a dirlo a Gattuso. Queste gare sono sono storicamente ostiche, bisogna mantenere la calma.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

Il girone di ritorno è iniziato ormai da quasi due mesi. Già cinque le partite giocate e il Milan ha iniziato l’anno nuovo col botto: Napoli, Roma e Atalanta in campionato, Juventus in Supercoppa Italiana e ancora Napoli in Coppa Italia. A queste, si aggiungono Genoa e Cagliari in campionato e Sampdoria in Coppa Italia. Un calendario decisamente ostico, con tanti big match racchiusi in pochi giorni. Eppure gli uomini di Gennaro Gattuso se la sono cavata egregiamente: 5 vittorie, due pareggi e solo una sconfitta, con la Juve in Supercoppa. Probabilmente, andando oltre le più rosee aspettative.

Non è però una sorpresa vera, perchè il Milan è ormai da diverse stagioni, compresa la scorsa con Gattuso in panchina, che affronta in modo positivi i momenti più difficili, con le sfide con le grandi squadre. Questo periodo, infatti, ricorda vagamente quello che lo scorso anno il Milan ha vissuto con le quattro partite con le romane nel giro di poche settimane, a cui si sono aggiunte la buona prova con la Juventus a Torino e quella con l’Arsenal a Londra, oltre alla vittoria con la Sampdoria in campionato. Era più o meno questo periodo dell’anno, ma poi, superato questo momento, quando il calendario sembrava sorridere, ecco il crollo: sconfitta col Benevento in casa, pareggio col Sassuolo sempre in casa, pareggio col Torino in trasferta.

Ecco perché Gattuso sa bene che le prossime tre partite, sulla carta semplici contro Empoli, Sassuolo e Chievo Verona, sono in realtà da affrontare al massimo della concentrazione. Perché a questo punto si può dire che il vero esame del Milan arrivi adesso. Ma più che un esame decisivo, si può parlare di un primo parziale. Perchè se anche qualcosa non dovesse andare perfettamente, nulla sarebbe perduto. Tutto ciò che di buono è stato fatto finora non sarà improvvisamente da buttare. Qualche passo falso, ora o più avanti, arriverà. Ma di certo c’è che se, invece, il Milan superasse a pieni voti questo trittico, presentandosi al meglio nel Derby, le cose potrebbero farsi interessanti…

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy