news milan

MILAN-VERONA: Delneri in conferenza stampa

Luigi Delneri, tecnico del Verona (credits: GETTY Images)

Ecco le dichiarazioni del tecnico del Verona Luigi Delneri in conferenza stampa dopo il pareggio tra Milan e Verona di oggi a San Siro

Edoardo Lavezzari

Dopo aver parlato alle varie televisioni, il tecnico del Verona Luigi Delneri si è presentato a commentare il pareggio del Milan contro il Verona, ecco le sue parole: "Nell'ultimo quarto d'ora eravamo molto stanchi perchè per stare dietro al Milan bisogna correre di più, ma la squadra oggi ha giocato con serenità e sicurezza nei propri mezzi. Era un grande banco di prova oggi e lo abbiamo superato bene, sono soddisfatto, possiamo lottare fine ne sono sicuro".

Gli arbitri: "Il rigore su Toni? Non l'ha visto...lui si lamenta, ma è andato in vantaggio comunque, anche senza gli errori. Non è detto che se nel primo tempo avesse avuto quei gol poi avrebbe vinto lo stesso. Parlare così degli arbitri è facile, ma non cambia di una virgola le cose. Lui oggi avrebbe fatto meglio a dire che oggi il Verona non ha rubato niente, che ha giocato e ha lottato"

Toni: "Abbiamo deciso che questa è la nostra via, vincere più partite possibile senza paura. Toni lo sa e gioca con questa logica. Tutto l'ambiente poi trova morale e avremo tutti gli scontri diretti in casa nel ritorno. Il Napoli? Se non c'era è meglio, sarà un banco di prova per chi gioca di meno"

Un giudizio sul Milan: "E' una squadra contratta, le difficoltà che trova sono acuite dalla mancanza di serenità nelle giocate, credo che debba trovare una quadratura di migliore, la squadra è guidata bene e Sinisa per me è un buon allenatore, ma queste partite il Milan le deve vincere, quindi manca solo la serenità"

Mihajlovic: "Deve continuare a lavorare e cercare di stare sereno, se penso alla mia Juventus lui è già più avanti, comunque è un anno di cambiamento per lui e il cambiamento non sempre porta risultati subito. Penso che Sinisa Mihajlovic abbia le caratteristiche perfette per guidare il Milan"

I cambi: "Abbiamo provato a vincerla, ma eravamo anche stanchi. Abbiamo messo giocatori offensivi, ma per farlo abbiamo chiesto ancora più sacrificio e poi Gomez si è fatto male quindi abbiamo giocato praticamente in 10 contro 10. Ho fatto dei cambi per dare maggior spessore fisico, anche Viviani aveva problemi seri a una caviglia e ha fatto errori non da lui. Abbiamo dimostrato di avere carattere perchè recuperare un gol al Milan qui a San Siro".

Dal nostro inviato a San Siro Edoardo Lavezzari

tutte le notizie di

Potresti esserti perso