Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Saelemaekers sempre prezioso: adesso lo step decisivo in zona gol

Alexis Saelemaekers, esterno del Milan (Getty Images)

Alexis Saelemaekers è una risorsa fondamentale per Il Milan. La crescita del belga è evidente, ma manca qualcosa in zona gol

Renato Panno

Gennaio 2020: il Milan arriva dalla disastrosa prestazione contro l'Atalanta, uno 0-5 che ha fatto capire come si dovesse subito invertire la rotta. Dal mercato arrivano Zlatan Ibrahimović e Simon Kjaer, i due calciatori di esperienza per correggere immediatamente la situazione. Insieme a loro ecco uno sconosciuto Alexis Saelemaekers proveniente dall'Anderlecht. Nella mente della dirigenza, il belga doveva educarsi al ruolo di terzino destro prima di stabilirsi, definitivamente, in quella posizione. Sì perché il numero 56, in carriera, ha giocato davvero dappertutto. E chi non vorrebbe in rosa un giocatore capace di sopperire a qualsiasi mancanza?

Ma il pensiero è stato stravolto dalle idee di Stefano Pioli, che lo ha stabilmente utilizzato come equilibratore indispensabile del suo 4-2-3-1. Esterno destro di spinta, ma anche di contenimento, per lasciare così la licenza di uccidere a Rafael Leao e Ante Rebić. Se nei suoi primi mesi rossoneri si limitava a questo compito, adesso Saelemaekers ha dimostrato una crescita esponenziale dal punto di vista tecnico e della personalità. Il tunnel, come ammesso da lui stesso in un'intervista, è uno dei suoi gesti tecnici preferiti e lo prova spesso in partita. Per fare ciò c'è bisogno di una certa sicurezza che il classe 1999 ha trovato durante il suo percorso.

Giusto sottolineare la sua importanza nell'economia della squadra, altrettanto giusto parlare di un suo difetto evidente: la mancanza di confidenza con il gol. La sua media è troppo bassa per un giocatore che, di fatto, fa l'attaccante esterno e che a volte viene anche in mezzo al campo. Nella corsa stagione 32 presenze e 2 gol, finora 21 presenze e un solo gol. Davvero troppo poco. Serve questo ulteriore step per parlare di lui non solo come un giocatore prezioso. Un livello successivo che farebbe di Saelemaekers un vero e proprio leader tecnico della squadra. Le Top News di ieri sul Milan: parla Kalulu, Giacinti saluta, il punto sulla difesa

tutte le notizie di