Sanremo, Amadeus: “Ibrahimovic non tornerà a Milano. Vi spiego” | News

Il conduttore Amadeus ha rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello Sport. Amadeus ha ovviamente parlato della partecipazione di Ibrahimovic a Sanremo

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Ibrahimovic AC Milan Sanremo

Milan, Ibrahimovic a Sanremo: le parole di Amadeus

 

Il presentatore Amadeus ha rilasciato un’intervista ai microfoni della Gazzetta dello Sport. Amadeus si è ovviamente soffermato sulla presenza di Ibrahimovic, attaccante del Milan, al Festival di Sanremo. Ecco cosa ha detto: “Derby? La mia ansia è più forte per il derby che per il Festival di Sanremo, davvero! Il Festival lo conosco, il derby è sempre un’incognita. È davvero una gioia vedere le milanesi al vertice della classifica, mi aspetto una partita bella e combattuta, peccato la mancanza del pubblico, è un dispiacere grande, come per il Festival. Una tristezza per tutti».

È l’unico tifoso nerazzurro che può permettersi di inviare messaggi Whatsapp a Ibrahimovic in questi giorni…

«No, no, è pericoloso! È un campione pazzesco, ci ha segnato 8 gol, guai a stuzzicarlo prima di una gara del genere, rischio di accenderlo… gli sfottò ce li faremo dopo. È il giocatore che temo di più, spero di batterlo, ma comunque vada sarò felice di accoglierlo a Sanremo. Io lo sport lo intendo così, in modo british, mi piace giocare, alleggerire e anche essere preso in giro».

Se presta il fianco, Zlatan ci andrà a nozze…

«Già, mi tocca stare attento. Abbiamo posato per le foto di rito, io sono alto 1,84, di solito guardo gli altri dall’alto, ma lui mi ha fatto sentire piccoletto. Se andiamo testa contro testa – ride – arrivo al braccio».

Che idea si è fatto dello scontro con Lukaku?

«Ibra non è razzista. Solo chi non ha giocato a calcio non può capire l’adrenalina che scorre in certi momenti… sono due campioni fantastici».

Ci racconta un retroscena con Ibrahimovic?

«Abbiamo pranzato insieme, mi hanno colpito la gentilezza, l’educazione, il carattere di chi ha fatto una lunga gavetta. Tre aggettivi? Carismatico, determinato, professionale. Gli auguro il meglio, ma l’importante è vincere domenica!».

L’anno scorso era a tavola con Cristiano Ronaldo, dicono che sia sempre a dieta, con il rossonero com’è andata?

«Tutti i campioni stanno molto attenti all’alimentazione, io mi trovo benissimo con loro perché mi piacciono i petti di pollo. La prossima volta, però, vorrei anche andare al ristorante con Lukaku».

Un pronostico?

«Noi siamo più forti e con un punto in più, ma il Milan può dare sempre la zampata. È da tripla. Da tifoso dico che potrebbero segnare Ibra e Lukaku, poi spero in Barella ed Eriksen. Mi piace Conte, condivido la formazione schierata contro la Lazio con Perisic alla Eto’o ed Eriksen in aiuto a Brozovic. Il danese mi è sempre piaciuto. Non eravamo primi in classifica nel girone di ritorno dai tempi del Triplete di Mourinho, sono speranzoso» (e suo figlio si chiama José in onore di Mou, ndr).

Un duello che la intriga?

«Tra Theo Hernandez e Hakimi: come ha fatto il Real a farseli sfuggire?».

Può essere una sfida determinante per lo scudetto?

«Sì. Chi vince può trarne decisivi vantaggi psicologici».

Che cosa è disposto a fare pur di vincere?

«Potrei regalare la maglia di Ibra a mio fratello rossonero, vediamo».

Dove vedrà la partita?

«In hotel, a Sanremo, non so se Fiorello riuscirà a raggiungermi per seguirla insieme».

A proposito, due interisti veri sul palcoscenico con Ibrahimovic: lo metterete in mezzo, ma state attenti…

«Può succedere di tutto. Certo, ci saranno diverse gag, ma non posso anticipare nulla. Di sicuro vedrete un campione diverso da quello che segna ed esulta, un Ibra che non conoscete. Noi siamo felici di accoglierlo, non vedo l’ora che scenda le scale indossando lo smoking con la sua bella fisicità».

Ha sentito Capello? Ha detto che ai suoi tempi non avrebbe mandato Ibra al Festival.

«I tempi sono cambiati. Zlatan è un grande professionista, è i fuoriclasse come lui sanno gestirsi da soli. Ibra sa come organizzarsi, si allenerà in Riviera per tutta la settimana, meticolosamente come sempre, i tifosi stiano tranquilli. Se è sempre il primo ad arrivare agli allenamenti e l’ultimo ad andarsene vuol dire che ha un’autodisciplina esemplare».

Non farà il pendolare?

«No, andrà a Milano mercoledì per la partita contro l’Udinese poi tornerà a Sanremo e rimarrà con noi».

LA NOSTRA ESCLUSIVA DEL GIORNO. VAI ALLA NOTIZIA>>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy