MIHAJLOVIC a Sky: “Mi aspettavo di più, mancato il guizzo davanti”

MIHAJLOVIC a Sky: “Mi aspettavo di più, mancato il guizzo davanti”

Ecco il commento del tecnico rossonero, Sinisa Mihajlovic, al termine di Carpi-Milan gara che i rossoneri hanno pareggiato a Carpi

di Edoardo Lavezzari, @Edolave
Sinisa Mihajlovic, allenatore del Milan

Intervistato da Sky Sport al termine di Carpi-Milan, il tecnico rossonero Sinisa Mihajlovic ha usato queste parole per commentare la prestazione della sua squadra: “Oggi ci è mancata la giocata decisiva da parte di un attaccante, è un peccato perchè abbiamo perso due punti, ci tenevamo molto. La cattiveria? Non si può allenare è una dote che devi avere, ma i nostri attaccanti hanno dimostrato di averla in passato, ma oggi è una qualità che ci è mancata. Oggi sapevamo che era una partita difficile, qui il Napoli ha pareggiato e l’Inter vinto all’ultimo su rigore. Noi invece siamo mancati in fase offensiva”.

La contestazione a Galliani e le parole di Maldini: “Tra me e lui c’è stima e affetto, lui sta al Milan da tanti anni per un motivo e so che di calcio ne capisce. Mi dispiace molto perchè so quanto soffre per queste cose, io posso solo dire che sono contento di averlo come dirigente”.

L’attacco: “Sicuramente possiamo pensare ad una coppia di attaccanti diversi, ne abbiamo tre da far ruotare. Bacca è il nostro investimento più costoso e il nostro capocannoniere è difficile toglierlo. Prima di Natale potrebbe tornare anche Balotelli, con quattro attaccanti potremo provare coppie offensive nuove”.

I terzini: “Abate ha il compito di non intasare la posizione di Cerci, dall’altra parte Antonelli e De Sciglio devono spingere, ma secondo me lo fanno”.

I problemi nel dominare il gioco: “Appena loro potevano lanciavano in avanti la palla agli attaccanti, difficile pressare una squadra che non gioca e si chiude. Hanno fatto la partita che volevano e dovevano fare, noi dovevamo essere più intraprendenti e sfruttare meglio certe occasioni e in questo modo avremmo anche giudicato diversamente la partita. Dovevamo vincere, meritavamo di farlo, ma così il calcio, se non segni non vinci”.

Il percorso al Milan: “Non mi aspettavo che fosse facile andare al Milan e so che il peggio deve ancora arrivare, perchè so che al male non c’è mai fine, soprattutto per tutto quello che succede attorno a questa squadra. Cosa può andare storto? Non so, ma so che attorno a noi c’è sempre un’atmosfera strana, ma ormai ci siamo abituati”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy