L’importanza di avere Kessie . I numeri spiegano tutto

Il centrocampista ivoriano del Milan si sta imponendo a livello fisico, tecnico e tattico. Per Montella è già un titolarissimo inamovibile

di Redazione
Franck Kessié Milan

(di Enrico Maggioni) La gara di ieri sera a San Siro contro la Spal ha una volta di più confermato l’insostituibilità di Frank Kessié, oramai perno fondamentale del Milan. Nove volte titolare nelle dieci partite ufficiali giocate sin qui dal Milan, quasi ottocento minuti accumulati e conditi da tre reti ed un assist: numeri da top player del centrocampo per l’ivoriano classe 1996, che si è inoltre dimostrato rigorista di assoluta affidabilità.

Nonostante un lieve appannamento fisico emerso nella gare di campionato contro Cagliari e Lazio, dovuto alla scarsa regolarità di allenamento ed ai frequenti impegni di club e nazionale, Kessié emerge per via della strapotenza fisica che lo caratterizza. Ma c’è ben altro.

Confermato titolare nella gara di campionato contro gli estensi di mister Semplici, Kessié non si è limitato a troneggiare a metà campo in virtù delle sue qualità atletiche ma si è proposto con personalità anche in fase di impostazione tanto da risultare pregevole uomo assist e procurandosi un calcio di rigore – da lui stesso trasformato – nel corso della ripresa.

Una prova di assoluto livello, premiata dalle dichiarazioni a fine gara di Vincenzo Montella: “Kessié è straordinario, di un’intelligenza sublime”. Frasi che lasciano ben poco spazio a intepretazioni: l’Aeroplanino è felicissimo di Frank the Tank, non solo uomo di muscoli e corsa, ma giocatore dai piedi buoni e con il cervello fino.
E più che pensare ad un suo alter ego, Montella valuta come impiegarlo in ruoli diversi: una personalità prorompente come quella del numero 79 rossonero starebbe bene anche in difesa, nel pacchetto centrale, tanta è la qualità tecnica e la sagacia tecnica che caratterizzano Frank Kessié.

L’insostituibile ivoriano, che sinora non ha mai lasciato il campo anzitempo, è chiamato a confermare le meraviglie sin qui mostrate: le prossime gare contro Samp, Roma e Inter saranno test di livello per la crescita mentale e la tenuta tecnica della squadra, che si aggrappa a Kessiè per…travolgere le mediane avversarie.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Calciomercato – ‘Milan, scelto il futuro vice-Kessie’

Kessie: “Ecco perchè esulto mimando il saluto militare”

Kessie vs Gomis, un rigore storico..

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy