Kessie: ‘il Presidente’ tuttocampista del Milan | Serie A News

Franck Kessie sta disputando una stagione incredibilmente positiva con il Milan. Il punto sulle prestazioni con uno sguardo al rinnovo di contratto

di Enrico Ianuario
Franck Kessié AC Milan

Il Milan non può fare a meno di Kessie

 

Sarebbe riduttivo dire che la stagione di Franck Kessie vista fin qui al Milan sia positiva. In un Milan dove tutto sembra perfetto e che dà l’impressione che nessuno abbia difetti, l’ivoriano è senza dubbio il calciatore più forte del gruppo.

Specifichiamo meglio cosa si intende con più forte. Innanzitutto la presenza costante del ‘Presidente’, così chiamato dai suoi compagni di squadra e appellativo per il quale si riempie il petto d’orgoglio.

Lui c’è sempre e lo dimostrano i numeri: 20 presenze in Serie A su 21 partite, 2 gare giocate in Coppa Italia e 8 apparizioni anche in Europa League.

Siamo solo all’inizio del mese di febbraio e l’ex Atalanta può già vantare 30 presenze complessive condite da 7 gol in campionato. Un altro aspetto da non sottovalutare è quello legato ai calci di rigore. Glaciale dal dischetto, con 14 gol dagli undici metri su 16 calciati con i rossoneri.

Le prestazioni

 

Si, perché è facile parlare con numeri e dati alla mano, ma chi segue il Milan sa che quello scritto poco sopra non è niente in confronto a ciò che Kessie mostra in ogni partita. In grafica compare nella mediana a due composta insieme ad uno tra Bennacer, Tonali, Krunic o Meite, ma in campo è ovunque. Dimostra una posizione tattica precisa accompagnata da una tecnica – finalmente – invidiabile. Abile in fase di impostazione quando si abbassa tra i due centrali di difesa per far partire la manovra rossonera. Invincibile nei contrasti di gioco: la sua fisicità è una caratteristica che pochi centrocampisti in Serie A possiedono. Si sovrappone, ha ottimi tempi di inserimento e lo ha fatto notare anche in occasione del gol alla Dacia Arena contro l’Udinese.  Insomma, chiamarlo semplicemente centrocampista è riduttivo. Meglio definirlo tuttocampista.

La leadership

 

“Sono da tanti anni al Milan, mi sento in dovere di essere un leader di questa squadra”. Queste le parole del buon Franck rilasciate ai microfoni di SportMediaset qualche settimana fa. A differenza degli anni passati, adesso le parole si collegano i fatti. Dal post lockdown, Kessie ha veramente sbagliato poco e nulla. Lui – insieme ad altri come Calabria e Calhanoglu – è quello che ha avuto una metamorfosi più che positiva. Si sono sempre viste delle buone qualità nell’ivoriano: ora che le ha fatte sue e con un senso di responsabilità che lo sta facendo crescere in maniera disarmante, i tifosi rossoneri possono dormire sonni tranquilli. Kessie, ora, è da Milan.

Uno sguardo al rinnovo

 

Ancora è presto per parlare di rinnovo, anche se l’ex Cesena ha già ribadito più volte che vuole continuare a vestire la casacca rossonera. Il suo contratto scade nel giugno del 2022, ma attualmente la dirigenza è impegnata con le trattative legate alle scadenze di giugno 2021. In ogni caso, probabilmente non ci saranno problemi nel continuare la storia tra il centrocampista e il Milan. Maldini sa bene quanto sia importante avere un giocatore come Kessie sia in campo che nello spogliatoio. E se c’è amore da entrambe le parti, allora il matrimonio potrà proseguire. Calciomercato Milan – Riscatto Brahim Diaz, ecco la svolta. Vai alla news >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy