Ibrahimovic-Lukaku: ecco cosa rischia l’attaccante del Milan | News

Come ormai tutti sanno, Ibrahimovic del Milan è stato ascoltato dalla Procura Federale della FIGC. Ecco cosa rischia l’attaccante svedese

di Salvatore Cantone, @sa_cantone
Lukaku Ibrahimovic Inter-Milan Coppa Italia

Ibrahimovic-Lukaku, ecco cosa rischia l’attaccante del Milan

 

Come viene riportato dalla Gazzetta dello Sport, ieri Zlatan Ibrahimovic, attaccante del Milan, è stato ascoltato dalla Procura della Figc. Il tema ovviamente è la rissa con Romelu Lukaku nel derby di Coppa Italia dello scorso gennaio. Dopo Valeri e Ibrahimovic toccherà al belga, che esporrà la sua versione dei fatti.

A quel punto la Procura della Federcalcio chiuderà l’inchiesta, probabilmente la settimana prossima. Con l’archiviazione terminerebbe tutto, in caso contrario ci sarebbero 15 giorni per la difesa o per chiedere il patteggiamento. Se non si raggiungesse un accordo sulla sanzione a quel punto ci sarebbe il deferimento e il processo sportivo.

E’ altamente improbabile che Ibrahimovic venga squalificato per razzismo, cosa che comporterebbe almeno 10 giornate di squalifica o una squalifica a tempo. E’ possibile, però, che venga condannato per «condotta gravemente antisportiva». Il centravanti del Milan potrebbe essere squalificato per due giornate, che però verrebbero scontate in Coppa Italia. Dunque il derby di campionato non è al rischio per nessuno dei due.

In realtà, però, anche attraverso il patteggiamento, si potrebbe arrivare anche a una squalifica ridotta o a multa. Ovviamente dipenderà tutto dalla relazione dei procuratori dopo che avranno ascoltato tutti i protagonisti della vicenda. Manca solo Lukaku, che verrà ascoltato nelle prossime ore. Insomma, il derby di Coppa Italia non è ancora finito, anche se tutti sperano di mettersi alle spalle questa vicenda il prima possibile. Sempre a proposito di Ibrahimovic-Lukaku: ecco come si è difeso il campione svedese. VAI ALLA NOTIZIA>>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy