Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

news milan

FIFA, possono essere tesserati gli stranieri che fuggono da Russia e Ucraina

ZURICH, SWITZERLAND - OCTOBER 20:  The FIFA logo is seen outside the FIFA headquarters prior to the FIFA Executive Committee Meeting on October 20, 2011 in Zurich, Switzerland. During their third meeting of the year, held over two days, the FIFA Executive Committee will approve the match schedules for the FIFA Confederations Cup Brazil 2013 and the 2014 FIFA World Cup Brazil.  (Photo by Harold Cunningham/Getty Images)

Tramite una nota apparsa sul sito ufficiale, la FIFA ha comunicato che gli stranieri che fuggono da Russia e Ucraina possono essere tesserati

Enrico Ianuario

(fonte fifa.com)

A seguito dell'escalation dell'invasione russa dell'Ucraina, che ha portato a una crisi umanitaria in corso e angosciante, l'Ufficio di presidenza del Consiglio FIFA ha deciso, in coordinamento con la UEFA e previa consultazione con varie parti interessate, di modificare temporaneamente il Regolamento sullo status e sul trasferimento of Players (RSTP) al fine di fornire certezza del diritto e chiarezza su una serie di questioni. I principi sono enunciati sotto forma di un allegato temporaneo al RSTP (allegato 7) intitolato “Norme temporanee per affrontare la situazione eccezionale derivante dalla guerra in Ucraina” .

Sono state prese le seguenti decisioni:

  • Per quanto riguarda la situazione in Ucraina, al fine di fornire ai giocatori e agli allenatori l'opportunità di lavorare e ricevere uno stipendio e per proteggere i club ucraini, a meno che le parti del contratto in questione non concordino diversamente, tutti i contratti di lavoro di giocatori e allenatori stranieri con i club affiliata alla Federcalcio ucraina (UAF) si intenderà automaticamente sospesa fino al termine della stagione in Ucraina (30 giugno 2022), senza che sia necessario alcun intervento delle parti in tal senso.

  • Al fine di facilitare la partenza di giocatori e allenatori stranieri dalla Russia, nel caso in cui i club affiliati alla Federcalcio russa (FUR) non raggiungano un accordo reciproco con i rispettivi giocatori e allenatori stranieri prima o il 10 marzo 2022 e salvo diversamente concordato per iscritto, i giocatori e gli allenatori stranieri avranno il diritto di sospendere unilateralmente il rapporto di lavoro con i club affiliati alla FUR in questione fino al termine della stagione in Russia (30 giugno 2022).

    La sospensione del contratto di cui ai commi precedenti comporterà che giocatori e allenatori saranno considerati “fuori contratto” fino al 30 giugno 2022 e saranno quindi liberi di firmare un contratto con un altro club senza subire conseguenze di alcun genere. Ulteriore flessibilità Inoltre, al fine di offrire flessibilità ai giocatori la cui iscrizione era all'UAF o al FUR e che hanno lasciato o potrebbero avere intenzione di lasciare il territorio dell'Ucraina o della Russia a seguito della guerra in Ucraina, i giocatori stranieri la cui precedente iscrizione era con la UAF o la FUR potranno essere tesserate anche se il periodo di iscrizione è chiuso presso la federazione del club con cui stipulano un nuovo contratto. Affinché questa eccezione sia applicabile e per tutelare l'integrità delle competizioni, l'iscrizione al nuovo club deve avvenire prima o il 7 aprile 2022. Per tutelare ulteriormente l'integrità delle competizioni, i club hanno il diritto di registrare un massimo di due giocatori che hanno beneficiato dell'eccezione. Protezione dei giocatori In relazione alla tutela dei minori, i minori in fuga dall'Ucraina verso altri paesi a causa del conflitto armato saranno ritenuti conformi ai requisiti dell'articolo 19 comma 2 d) del RSTP, che esonera i minori rifugiati dalla norma che impedisce il trasferimento internazionale di giocatori prima dei 18 anni. La FIFA ribadisce la sua condanna dell'uso continuo della forza da parte della Russia in Ucraina e chiede una rapida cessazione delle ostilità e un ritorno alla pace.

    Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

    tutte le notizie di