Serie A – Lecce-Cagliari 2-2: i sardi si fanno rimontare nel finale

Serie A – Lecce-Cagliari 2-2: i sardi si fanno rimontare nel finale

João Pedro e Radja Nainggolan illudono il Cagliari ma Gianluca Lapadula e Marco Calderoni esaltano il Lecce: pirotecnico pareggio allo stadio ‘Via del Mare’

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS SERIE A – Pirotecnico pareggio, 2-2, allo stadio ‘Via del Mare‘ in occasione di Lecce-Cagliari, gara valevole per la 13^ giornata di Serie A inizialmente prevista per ieri sera e poi rinviata a causa della pioggia abbondante abbattutasi nel Salento.

Il Cagliari di Rolando Maran ha sprecato un colossale chance di agguantare nuovamente, al terzo posto in classifica, la Lazio: i sardi, infatti, si erano portati in vantaggio di due reti grazie al calcio di rigore trasformato dal brasiliano João Pedro al 30′ ed al raddoppio, da appena fuori area, firmato dal belga Radja Nainggolan (67′).

Nella ripresa, la reazione del Lecce si è concretizzata nel finale: dapprima, all’83′, Gianluca Lapadula, su calcio di rigore, ha accorciato le distanze nella circostanza che ha portato all’espulsione (fallo di mano sulla linea di porta) del difensore ospite Fabrizio Cacciatore; quindi, dopo l’espulsione dello stesso Lapadula e del portiere sardo Robin Olsen per un parapiglia, è arrivato il pari giallorosso.

Autore, al 91′, proprio com’era successo a ‘San Siro‘ contro il Milan, il terzino sinistro della formazione di Fabio Liverani, quel Marco Calderoni che ha trovato lo spiraglio giusto per l’ennesimo, insperato risultato positivo dei padroni di casa. Con questo pareggio, il Lecce sale a quota 11 punti in classifica e si tiene a +2 sulla zona retrocessione in attesa di Spal-Genoa di questa sera; il Cagliari, invece, raggiunge la Roma al quarto posto a quota 25 punti. Per il LIVE del 13° turno di Serie A, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy