Scaroni: “Per competere in Europa serve uno stadio modernissimo”

Scaroni: “Per competere in Europa serve uno stadio modernissimo”

Paolo Scaroni, Presidente del Milan, è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’ per parlare del progetto del nuovo stadio presentato insieme all’Inter

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANPaolo Scaroni, Presidente del Milan, è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport‘ per parlare del progetto di fattibilità tecnico-economica del nuovo stadio, che i rossoneri vogliono costruire nell’area di ‘San Siro‘ insieme all’Inter, presentato ufficialmente ieri al Comune di Milano. Queste le dichiarazioni di Scaroni:

“Sarà il miglior stadio del mondo. Abbiamo presentato tutta la documentazione in Comune, il processo è partito. Milano merita di avere un centro per l’intrattenimento: un luogo dove, per tutto l’anno, tutti i giorni, si svolgono avvenimenti. Avvenimenti culturali, sportivi: ci saranno ristoranti, luoghi di incontro, per lo shopping. Attraverso il nuovo stadio rivisitiamo completamente l’area di ‘San Siro‘ per farne un grande centro di intrattenimento come hanno tutte le grandi città del mondo”.

Scaroni ha proseguito: “I costi? Abbiamo fatto una stima preliminare: non abbiamo ancora in mano i progetti architettonici, ma pensiamo che il costo totale sarà di 1,2 miliardi. Il progetto è di interesse publico, quindi del Comune: ci aspettiamo una prima risposta. Poi partirà tutto un iter, che, entro l’anno prossimo, dovrà fornirci tutte le autorizzazioni. Se le avremo, entro il 2023 avremo il nostro stadio”.

“Tutti i nostri competitors, in Europa, hanno nuovi stadi – ha concluso Scaroni -; se vogliamo che Milan e Inter tornino a competere con loro, ai loro livelli, dobbiamo avere uno stadio modernissimo”. Questo, invece, il pensiero dell’amministratore delegato del Milan, Ivan Gazidis, a tal proposito: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy