San Siro, Sala: “Serve una formula che tuteli economicamente il Comune”

San Siro, Sala: “Serve una formula che tuteli economicamente il Comune”

Giuseppe Sala, Sindaco di Milano, ha parlato nuovamente del progetto del nuovo stadio di Milan e Inter e della possibilità di salvare San Siro

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS MILAN – Questa mattina Milan ed Inter hanno incontrato, a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale per discutere del progetto del nuovo stadio che i club vorrebbero realizzare a Milano, nell’area di ‘San Siro‘, dove sorge l’attuale stadio ‘Giuseppe Meazza‘.

Al vertice era assente il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, il quale, però, è voluto intervenire sul tema: «Adesso vediamo un po’ quale sarà il punto di partenza. Cioè trovare una formula che tuteli dal punto di vista economico e finanziario il Comune e i milanesi», ha detto Sala, come riportato da ‘Calcio & Finanza‘.

«Poi – ha aggiunto il Primo Cittadino – bisognerà cercare di capire in che modo ‘San Siro‘ potrà essere salvato. Soluzioni chiare ad oggi non ci sono sul tavolo però questo incontro ha lo scopo di iniziare a tirare fuori eventuali idee». Ai giornalisti che gli hanno chiesto di commentare la proposta dell’Assessore allo Sport del Comune, Roberta Guaineri, che ha parlato di un ‘San Siro‘ ridotto, con un solo anello, Sala ha risposto: «Ci sta idealmente ed è una cosa che mi piacerebbe anche, il problema è capire se dal punto di vista finanziario è gestibile».

A proposito, infine, di una perizia dell’Agenzia delle Entrate, che ha stimato il valore di ‘San Siro‘ in 100 milioni di euro, Sala ha chiosato: «Non saprei, è una valutazione tecnica non politica quindi dovrei pensare che è una valutazione corretta». Sulla situazione di ‘San Siro‘, questa l’opinione di Paolo Scaroni, Presidente del Milan: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy