Maldini, le condizioni per dire sì al Milan: budget, staff e autonomia

Paolo Maldini ha chiarito al Milan alcuni punti chiave per diventare direttore tecnico e accettare la proposta di Ivan Gazidis: ecco cosa ha chiesto

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

ULTIME MILAN – Come viene evidenziato dalla Gazzetta dello Sport, il conto alla rovescia è quasi terminato. Paolo Maldini dovrà comunicare al Milan la sua decisione di restare nel club rossonero oppure di dire addio dopo appena un anno dal suo ritorno.

CONDIZIONI – Da un certo punto di vista l’ex capitano non si aspettava una proposta così importante da parte di Ivan Gazidis, che sostanzialmente prevede di prendere il posto di Leonardo nel ruolo di direttore tecnico. L’amministratore delegato ha deciso di puntare fortissimo su Maldini, così come ha spiegato nella giornata di ieri nell’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport (CLICCA QUI per leggere le sue parole). Ma quali sono le condizioni imposte dal dirigente per accettare l’incarico? Si andrebbe dalla richiesta di un determinato budget per operare sul mercato a quella della scelta dello staff che lo affiancherebbe nell’area tecnica, passando per un’autonomia molto ampia di natura decisionale. Tutti questi aspetti saranno difficili da accettare per Elliott, visto che il portafoglio per il mercato sarà sottilissimo ed è complicato anche pensare che la proprietà gli dia carta bianca completa per la composizione del team (si parla dell’attuale capo scout Moncada, figura gradita a Paolo; di Angelo Carbone come nuovo responsabile del settore giovanile; e del possibile coinvolgimento, da capire con quali modalità, di Costacurta).

SENSAZIONI – Difficile capire cosa farà Paolo. Un no a prescindere non c’è, altrimenti Maldini se ne sarebbe andato insieme a Leonardo e non avrebbe ascoltato l’importante proposta di Ivan Gazidis. A questo punto bisogna capire se una delle due parte sia disposta a venire incontro all’altra, visto che al momento domanda e offerta non coincidono. Se questo non avverrà, la risposta sarà no, e dunque il Milan ripartirà completamente da zero. Intanto spunta un nome nuovo per la panchina rossonera, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy