Da Giampaolo a Pioli: Milan migliorato nel gioco, peggiorato nei risultati

Da Giampaolo a Pioli: Milan migliorato nel gioco, peggiorato nei risultati

Nel momento dell’esonero di Marco Giampaolo, ad inizio ottobre, il Milan aveva 4 punti di distanza dalla zona Champions League: ora si è raddoppiata …

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS MILAN – Il ‘Corriere della Sera‘ oggi in edicola ha fatto un confronto tra l’andamento, in questa stagione, del Milan allenato da Marco Giampaolo e quello attuale, guidato da Stefano Pioli.

Il paradosso è che, sotto la guida di Pioli, il Diavolo ha mostrato incoraggianti segnali di risveglio dal punto di vista del gioco ma, al contempo, vanta risultati peggiori, seppur con meno gare disputate nella gestione dell’allenatore emiliano.

Con Giampaolo, infatti, il Milan aveva collezionato 9 punti, frutto di 3 vittorie (Brescia, Hellas Verona, Genoa) e 4 sconfitte (Udinese, Inter, Torino e Fiorentina) in 7 partite, per una media punti di 1,28 per gara ed una zona Champions League distante appena 4 punti.

Con Pioli, al contrario, sono arrivati 4 punti, frutto di una vittoria (Spal), un pareggio (Lecce) e 2 sconfitte (Roma, Lazio) in 4 partite, per una media punti di uno esatto per gara. La distanza dal quarto posto, al contempo, è aumentata a 8 punti. Ed anche le statistiche sull’attacco, vanno detto, sono tutt’altro che positive: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy