Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN-TORINO

Milan-Torino, serve Giroud per il primo tentativo di fuga

Olivier Giroud (attaccante AC Milan) e Bremer durante Milan-Torino (Serie A 2021-2022) | News (Getty Images)

Milan-Torino finisce 1-0, con i granata pericolosi nel finale. Era dal 1954/55 che i rossoneri non facevano 9 vittorie sulle prime 10.

Stefano Bressi

Superata anche Milan-Torino, la squadra rossonera continua a macinare gioco e punti. Ora il Diavolo è a quota 28 punti dopo 10 giornate. Il che significa 9 vittorie e un pareggio. Un'impresa di questo tipo era riuscita l'ultima volta nel 1954/55, ai tempi di Gunnar Nordhal, storico centravanti svedese (anche lui). Anche questa giornata il Milan ha giocato per primo e ora può godersi gli altri risultati. In attesa del Napoli che giocherà domani sera col Bologna, il Diavolo è primo da solo. Alla vigilia Stefano Pioli aveva chiesto di vincere anche partite sporche ed è stato accontentato. La squadra non si è mai scomposta, ma ha saputo soffrire. Sicuramente ottima la prova del Torino, soprattutto nel finale, dove avrebbe anche potuto pareggiare. Vittoria di corto muso per il Milan però.

Occhio però a non montarsi la testa e in casa Milan lo sanno bene. I rossoneri vengono sì da ottimi risultati e da un primo posto ritrovato, ma le ultime tre vittorie sofferte hanno ribadito un concetto importante: bisogna stare sempre concentrati al massimo. Basta poco in ogni singola partita per rischiare di perdere la bussola, scrive La Gazzetta dello Sport. Anche ieri il Milan non era al massimo della condizione per disponibili, ma chi ha giocato ha dato ottime risposte. Contro un Torino che fin dall'inizio ha fatto capire di voler attaccare. Tra due squadre attente ai dettagli, esce una partita povera di errori di attenzione in fase difensiva e quindi povera anche di occasioni. Partita forse noiosa, ma che mostra come Milan e Torino siano solidissime.

Per rompere questo equilibrio è servito un episodio: niente attacchi sfrenati, ma un calcio piazzato. Cross dalla destra, spizzata sul primo palo e sul secondo arriva Olivier Giroud a buttarla dentro, da vero bomber. Oltre al gol, per il francese classe 1986 anche tanto lavoro sui palloni lunghi e tante sponde. Così anche Giroud diventa elemento offensivo di una fase difensiva impeccabile, che se svolta con attenzione rende quasi impossibile a chiunque attaccare. Molto attento però, anche il Torino, perfetto in marcatura. A tratti il Milan sembra quasi lasciar giocare i granata per poi cercare il contropiede, che però viene sempre disinnescato.

Nel finale il Torino ci prova, ma la difesa rossonera regge. Fikayo Tomori, inglese classe 1997, e Sandro Tonali, classe 2000, strappano ovazioni per recuperi e giocate di qualità. Solo negli ultimissimi minuti il Milan rischia davvero qualcosa. Prima è Ciprian Tatarusanu a respingere, poi dove non arriva il portiere rumeno classe 1986 ci pensa la traversa. Per ora il Milan si gode l'ennesima vittoria e il primato, consapevole che ora ci sarà un trittico non da poco, dove servirà qualcosa in più. Intanto potrebbero esserci due occasioni di mercato interessanti per il Milan >>>

tutte le notizie di