Milan, le difficoltà per il rifinanziamento del debito ed i dubbi di UEFA e F.I.G.C.

Milan, le difficoltà per il rifinanziamento del debito ed i dubbi di UEFA e F.I.G.C.

Yonghong Li ed il Milan hanno un debito complessivo con il fondo Elliott di 303 milioni di euro più interessi: le istituzioni in fase di allerta

di Daniele Triolo, @danieletriolo

Le rivelazioni dell’inchiesta del ‘Corriere della Sera’ sui provvedimenti giudiziari cinesi sul patrimonio del proprietario e Presidente del Milan, Yonghong Li, chiariscono bene per quale motivo, finora, il club rossonero non sia ancora riuscito a trovare qualcuno disposto a rifinanziare il debito in essere con il fondo di investimenti statunitense Elliott Management Corporation.

Lo sostiene l’edizione odierna di ‘Tuttosport’ che spiega come sia difficile trovare un fondo che copra i 180 milioni di euro più interessi della tranche di debito che fanno capo alla ‘Rossoneri Sport Investments Luxembourg’, società controllata da Yonghong Li, considerando la mancanza di garanzie. Molto più semplice, invece, rifinanziare il doppio bond, per un totale di 123 milioni di euro più interessi, relativo ad A.C. Milan S.p.A.: diritti tv, sponsorizzazioni e incassi da biglietteria sono garanzie certe, ha commentato infatti ‘Repubblica’.

Proprio per quest’ultima situazione, in questi giorni si è parlato molto della possibilità che il Milan crei una ‘new company’ per rendere più riconoscibili i ricavi del club, come già fatto, per esempio, dall’Inter quando era Presidente il tycoon indonesiano Erick Thohir. Il veicolo, ha sottolineato ‘Tuttosport’, in realtà esisterebbe già: si potrebbe, per lo scopo, adattare ‘Milan Entertainment Srl’, già presente all’interno del gruppo Milan.

Intanto aspettano notizie, e guardano alla vicenda rifinanziamento con occhio molto interessato, anche UEFA e F.I.G.C.: la UEFA, infatti, dovrà vedere il Milan tra poco più di un mese per il settlement agreement e resta preoccupata alla luce delle novità emerse sui guai giudiziari di Yonghong Li. Per ora, ha sottolineato ‘Repubblica’, il Milan non rischia l’esclusione dalle prossime coppe europee. Il Milan, ha evidenziato ‘La Gazzetta dello Sport’, è una società che brucia 8-10 milioni al mese e, pertanto, necessita del costante supporto della proprietà. Soprattutto perché, oltre ai controlli UEFA, ci saranno a breve anche quelli della Covisoc per l’iscrizione al campionato.

“L’indice di liquidità della F.I.G.C. – ha concluso la ‘rosea’ -, è un Everest per tanti club, compreso il Milan: se si sfora deve essere l’azionista ad intervenire con il capitale. I controlli federali riguarderanno il periodo intermedio 1° luglio – 31 marzo con bilancio da certificare: con questi numeri non si scherza”.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Fassone e Han Li alla caccia di fondi: si cerca anche un nuovo socio

Galliani: “Cessione Milan, tutto in regola. Gattuso, votami!”

Nubi fosche su Yonghong Li, ma il Milan è tranquillo

Scaroni su Elliott: “Singer non vuole diventare il presidente del Milan”

Scaroni a TL: “Senza rifinanziamento, il Milan verrà ceduto al miglior offerente”

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Google Plus /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13775847 - 2 anni fa

    Tuttosport il giornale più falso di Giuda !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy