Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Ibrahimovic chiamato agli straordinari per tornare in tempo

Milan, Ibrahimovic chiamato agli straordinari per tornare in tempo

L'ultima partita di Ibrahimovic da titolare col Milan è stata cinque mesi fa. Lavora per esserci tra una settimana. Pioli lo aspetta.

Stefano Bressi

Una settimana da 40enne per Zlatan Ibrahimovic, che ora non aspetta altro che tornare in campo con la maglia del Milan. Martedì sarà passato un mese dalla prima, unica e ultima apparizione stagionale dello svedese classe 1981. Era una sfida a San Siro con la Lazio e a Ibrahimovic sono bastati pochi minuti per segnare. Non basta però e non gli basta. Ibrahimovic vuole essere decisivo, soprattutto in Champions League. Il Milan ha bisogno di rincorrere, dopo due sconfitte nel girone, e Ibrahimovic può essere il fattore aggiunto. L'ipotesi panchina sabato sera contro l'Hellas Verona è più che concreta. Finora ha prevalso la cautela, ma è sulla via del recupero e ha ancora una settimana.

La sua media gol resta spaventosa, anche grazie al gol messo a segno in mezz'ora quest'anno. Lo scorso anno aveva chiuso con 15 gol in 19 partite, ora è ovviamente a 16 in 20. Unico dato positivo in questo avvio di stagione però. Per il resto, il Milan ha dovuto fare sempre a meno di lui e di chi in teoria non dovrebbe farlo rimpiangere. Olivier Giroud è stato a sua volta alle prese con problemi fisici, ricorda il Corriere dello Sport. Ora il Milan si augura che il proseguo della stagione vada meglio, così da vedere Ibra e il francese classe 1986 anche insieme qualche volta. Ora entrambi puntano l'Hellas Verona sabato sera.

Ibrahimovic potrebbe essere, come detto, l'uomo in più per la Champions League. Doveva parlare in conferenza stampa prima della prima sfida col Liverpool, ma proprio alla vigilia si era dovuto arrendere. I problemi di Ibra sono tutti collegati al primo infortunio e alla fretta di riaverlo. Addirittura si era pensato a un Europeo e a varie convocazioni con la Svezia, ma stavolta si farà tutto con calma. Così che i gol arrivino finalmente di nuovo a raffica e non solo con una media importante, ma suddivisi nel tempo. Intanto il Milan è pronto ad anticipare un colpo già a gennaio >>>

tutte le notizie di