Albertini: “San Siro? Mi piacerebbe che venisse ristrutturato”

Demetrio Albertini, ex centrocampista del Milan, nell’intervista rilasciata a “Tuttosport”, ha espresso la sua opinione su San Siro e sul nuovo stadio

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Demetrio Albertini, ex calciatore rossonero, nella lunga intervista rilasciata a Tuttosport, ha parlato del nuovo stadio che pensano di realizzare Milan e Inter e della possibilità che venga demolito San Siro.

“Dal punto di vista emotivo è una tristezza, ma da dirigente ho una convinzione che è quella di non avere la propria storia come prospettiva. San Siro è la storia, ma oggi il tifoso ha bisogno di qualcosa di diverso. Non sono né un architetto, né un ingegnere: lo stadio, così com’è, non può essere una casa moderna per Milan e Inter. A me, se si potesse, piacerebbe che il Meazza venisse ristrutturato. Questo perchè il senso di appartenenza va difeso fino alla morte. Io ho avuto la fortuna di essere cresciuto nel Milan e di aver partecipato all’inizio del ciclo blaugrana e credo che ogni dirigente abbia il dovere di valorizzare il senso di appartenenza della sua squadra. Questa è stata la chiave vincente di quanto ha fatto la Juve negli ultimi tempi: una società diventata moderna mantenendo un senso di appartenenza incredibile. Non a caso il progetto è iniziato prendendo tanti italiani. Anche il Milan dovrebbe fare così e questo discorso va al di là dei dirigenti che ci sono oggi: questa è una peculiarità dei paesi latini, guardate per esempio al Real dove i tifosi, mugugnano se non vengono acquistati giocatori spagnoli dal club”. Albertini ha parlato anche del lavoro di Maldini e Boban, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy