Milan-Spal, ecco l’analisi tattica del match

Milan-Spal chiuderà la decima giornata di campionato. I rossoneri sono obbligati a vincere per risalire una pessima classifica. Ecco l’analisi tattica del match

di Renato Panno, @PannoRenato

MILAN-SPAL – Una partita da vincere per forza. Nessun giro di parole, il Milan è obbligato a portare a casa i 3 punti nella gara di questa sera contro la Spal. Per la classifica, che vede il Milan dalla parte destra della classifica, e per il morale visto il trittico horror che vedrà i rossoneri impegnati contro Lazio, Juventus e Napoli nelle prossime tre giornate. La Spal non sta vivendo un periodo positivo. La squadra di Leonardo Semplici occupa il penultimo posto in classifica, ma è sempre difficile da affrontare. Per questo motivo sono molti gli accorgimenti che il Milan dovrà mettere in pratica per portare a casa il bottino pieno. Ecco l’analisi tattica del match.

Il pericolo numero 1 si chiama Andrea Petagna. L’ex rossonero è andato a segno anche lo scorso anno nella partita giocata a ‘San Siro’, prima dei gol di Samuel ‘Samu’ Castillejo e di Gonzalo Higuain. La sua fisicità sarà una brutta gatta da pelare per la difesa del Milan che deve sempre cercare l’anticipo, così da contenerlo al meglio evitando che possa creare situazioni offensive pericolose. Il centrocampo spallino, che dovrebbe essere composto dal trio Murgia-Valdifiori-Kurtic è molto ben amalgamato e completo. Murgia e Valdifiori sono molto validi da punto di vista tecnico e sono in grado di costruire gioco e di offrire passaggi interessanti ai propri compagni. Kurtic, invece, ha una grande abilità nel concludere dalla distanza e di inserirsi in area di rigore come in occasione del gol segnato contro il Napoli domenica scorsa. Il compito dei centrocampisti del Milan sarà quello di giocare con intensità e cattiveria agonistica, così da pressarli in tutte le zone del campo per non concedergli il tempo di pensare.

In attacco il Milan vedrà nuovamente Krzysztof Piatek dal primo minuto. Insieme a lui dovrebbero agire Castillejo e Calhanoglu. Esaltare le doti offensive del polacco sarà la mission del Milan e soprattutto dei due giocatori appena citati che dovranno offrire quanti più palloni possibili da un Pistolero che ha tantissima voglia di riprendersi sulle spalle il suo Milan. Intanto ecco la situazione di Luka Modric al Real Madrid, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy