Milan-Sampdoria, Pioli: “Con Ibrahimovic possibile attacco a due. Su Suso …”

Milan-Sampdoria, Pioli: “Con Ibrahimovic possibile attacco a due. Su Suso …”

Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha parlato in conferenza, dalla sala stampa di ‘San Siro’, al termine di Milan-Sampdoria: tutte le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME NEWS MILAN

Sui dati in attacco nonostante voglia, generosità e entusiasmo: “Voglia e generosità si sono visti, entusiamo non l’ho detto. Bisogna cercare di fare scelte migliori in campo e poi magari scelte migliori anche da parte mia. Mi aspettavo una partita complicata, contro un avversario difficile, con una squadra chiaramene scossa dalla bruttissima sconfitta di Bergamo. Non siamo riusciti a fare gol nonostante i 70 palloni nell’area avversaria, significa che ci è mancato il passaggio giusto, capire dove può rimbalzare il pallone per buttarla dentro. Sicuramente qualcosa andrà migliorato”.

Su Suso e se è possibile un cambio di modulo con lo spagnolo fuori: “Il cambio di modulo non c’entra niente con Suso. Oggi qualcosina abbiamo cambiato, giocando con un centrocampo a due e con Bonaventura tra le linee. Suso ha toccato tantissimi palloni: ha avuto i palloni per determinare, ma non c’è riuscito”.

Su Ibrahimovic: “Si è mosso bene, dando una presenza importante in area. I palloni toccati sono diventati pericolosi. Ci sarà la possibilità di giocare con un altro attaccante di fianco a lui. Oggi c’è mancato il guizzo finale, non la presenza in area. Troppi tiri rimpallati o cross fatti sul primo palo quando andavano fatti sul secondo o viceversa. Volevamo vincere ed è un grosso rimpianto non esserci riusciti”.

Sulla sfortuna: “Non c’entra. Ho visto una squadra vogliosa. La Sampdoria non faceva giro palla, abbiamo vinto tante seconde palle. Nel secondo tempo ci siamo un po’ disuniti e qualche errore tecnico in fase di uscita ci ha messo nelle condizioni di subire qualche pericolo”.

Se c’è qualcosa di positivo dopo oggi: “Siamo stati squadra. La squadra ha corso e lottato, anche se ovviamente si può fare meglio”.

Sull’entusiasmo che manca: “Continuate a farmi domande nel prepartita chiedendomi se la squadra sia consapevole del momento. Vi aspettavate entusiasmo oggi? La squadra non doveva avere entusiasmo oggi. Non sono solo i tifosi a stare così. C’era anche una certa ansia nel voler tornare a vincere. Era un aspetto mentale che mi aspettavo che la squadra avesse”.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rgrap_120 - 6 mesi fa

    Suso e Calhanoglu oggi sono stati imbarazzanti, da fuori è incomprensibile come possano giocare con Paquetà in panchina.
    Piątek è irriconoscibile.
    Più che un allenatore servono un paio di istruttori di marines perché questi sono anche capaci di farci retrocedere!!!
    Datevi una mossa

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy