Milan, la base c’è: ecco i giocatori da confermare per il prossimo anno

Il Milan al momento occupa il settimo posto in classifica ed è fuori anche dall’Europa League. E’ una stagione da buttare? A ben vedere qualcosa da salvare c’è

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME NEWS MILAN – Dopo la brutta sconfitta casalinga contro il Genoa, il Milan è scivolato al settimo posto in classifica, alle spalle di un Napoli decisamente in ripresa. Con la Champions League ormai salutata da mesi, i rossoneri rischiano di dover rinunciare anche all’obiettivo minimo dell’Europa League. Uno scenario che nessuno si aspettava prima dell’inizio del campionato, quando si decantava il ritorno nell’Europa che conta, soprattutto dopo il quinto posto dello scorso anno. E invece quella che si prospetta è un’altra annata da dimenticare, che non ha visto il tanto agognato salto di qualità.

Ma è tutto da mettere da parte a favore dell’ennesima rivoluzione tecnica? A ben vedere non è così, perché ci sono alcuni giocatori che si sono messi in mostra anche in una situazione difficile come quella vissuta quest’anno. Una spina dorsale che è bene non disfare per cercare di migliorare in vista della prossima stagione.

E’ proprio dalla difesa che il Milan deve ripartire e i suoi 9 clean sheet lo dimostrano. In particolare da Gianluigi Donnarumma, Alessio Romagnoli e Theo Hernandez. Il portiere classe 1999 è forse la più grande certezza rossonera, ma non lo è dal punto di vista del contratto, in scadenza nel 2021. Il Milan rischierebbe addirittura di perderlo a parametro zero qualora le negoziazioni per il rinnovo non dovessero andare a buon fine. Romagnoli è il capitano giovane di una squadra giovane. Il numero 13 ha sempre offerto prestazioni sopra la sufficienza e non può non essere confermato. Theo Hernandez, invece, è la rivelazione assoluta di quest’anno, un acquisto fortemente avallato da Paolo Maldini. Il terzino sinistro ha all’attivo 5 gol e 2 assist, numeri impressionanti visto il ruolo che ricopre. Disattenzioni difensive a parte, il Diavolo non può non godersi le sue sgroppate anche in futuro.

In mezzo al campo il Milan deve necessariamente ripartire da Ismael Bennacer. Dopo un periodo di adattamento, l’algerino si è preso il centrocampo rossonero e ha dimostrato grande personalità, abbinata a qualità e quantità da vendere. Il difetto dei cartellini gialli non è secondario, ma è un aspetto da limare assolutamente per diventare sempre un giocatore sempre più completo.

In attacco, invece, la situazione è più nebulosa: a fine stagione si dovrà discutere la permanenza di Zlatan Ibrahimovic, mentre ad Ante Rebic rimane ancora un anno prima della scadenza del prestito biennale. Rafael Leao dovrà fare qualcosa in più per meritarsi una conferma che al momento non lo pone al pari dei calciatori sopra citati. Ralf Rangnick non è più convito di approdare al Milan: la nostra redazione ha fatto alcune verifiche in merito, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy