Sassuolo-Milan, Pioli: “Speravo nella conferma. Vi spiego tutto”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Stefano Pioli, tecnico rossonero, ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport’ al termine di Sassuolo-Milan. Ecco le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo
Intervista Pioli, dichiarazioni post partita Milan (Grafica)

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWSStefano Pioli, tecnico rossonero, ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport‘ al termine di Sassuolo-Milan, match disputatosi al ‘Mapei Stadium‘ di Reggio Emilia e valevole per la 35^ giornata di Serie A. Queste le dichiarazioni di Pioli, principalmente incentrate sulla riconferma dell’ultim’ora:

Erano un paio di giorni che sapevo di questa trattativa. Abbiamo ottime qualità, possiamo crescere tanto. Sono felicissimo, ma il nostro futuro è adesso. Pensiamo a queste ultime tre partite, rimaniamo concentrati. Al futuro ci pensiamo dal 3 agosto. Il club con me è stato corretto. Mi hanno detto che non c’era niente di definitivo, scelte sulla valutazione del lavoro a fine campionato. Ho pensato a lavorare, a Milanello tutti lavorano al massimo. Grande disponibilità della squadra. Ero dispiaciuto che non mettavamo in campo il lavoro fatto, mancava la continuità. Abbiamo fatto benissimo in questa ripresa, ma da gennaio facciamo bene e siamo terzi in classifica da gennaio. Abbiamo prospettive interessanti”.

Su Zlatan Ibrahimovic: “Ibra è Ibra, l’altra sera non era contento, ho faticato a spiegargli le mie motivazioni. La mia priorità è la squadra, dovevo pensare agli altri impegni. C’è un caldo incredibile, stanchezza si sente e si vede. Farò scelte per il bene della squadra”.

Il colloquio con la società e Gazidis: “Se ho mai parlato con Gazidis? Ho sempre parlato con Gazidis, soprattutto lui ha avuto colloqui con me, prima di Milan-Genoa, lì mi aveva garantito, con la squadra, che le scelte non erano state fatte. Sarebbe stato valutato il lavoro delle ultime 12 partite. Ho parlato più con Maldini e Massara, ma lo stesso Gazidis è venuto più spesso rispetto al passato, mi ha sempre manifestato la stima per il mio lavoro. Poi lunedì sera c’è stata la chiamata decisiva”.

Ti aspettavi la conferma?: “Io ci speravo, perché sto bene con la squadra, ambiente e tifosi. Speravo di continuare questo lavoro, siamo solo all’inizio. Ci saranno aspettative importanti, tanta pressione, ma tanta voglia mia e della squadra. Abbiamo giovani forti, che stanno crescendo. Rimaniamo attaccati, sono stato molto felice per la notizia”.

“Onestamente, da parte dell’area tecnica e Gazidis, mi son sempre trovato bene. Non sentivo negatività nei miei confronti. Noi dobbiamo sempre confermare, io non ho mai vinto, anche se sul fatto dei vincenti starei attento. Su di me qualche perplessità poteva esserci, ma ho sempre sentito fiducia. La squadra, le sensazioni, i miei giocatori mi hanno dato tutto. Vedo quando credono in quello che facciamo. Merito di tutti, del mio staff e del gruppo. Rimaniamo attaccati, venerdì partita bellissima e difficilissima con tante assenze contro l’Atalanta”.

“Aver creduto nelle qualità della squadra e del lavoro, riuscire a renderli consapevoli e sicuri delle loro qualità. Ha richiesto tempo, poi un conto è cominciare dall’inizio e subentrare. Ci abbiamo sempre creduto, questo è stato il nostro merito maggiore. Richieste da altri club? Volevo fortemente il Milan, sono molto felice”.

LE PAGELLE DI SASSUOLO-MILAN >>>

SEGUICI SUI SOCIAL: CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy