Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Saelemaekers: “Leao e Maldini diventeranno dei fenomeni”

Alexis Saelemaekers (calciatore AC Milan) | (credits: Getty images)

Alexis Saelemaekers, calciatore del Milan, ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Dazn. Ecco cosa ha detto il calciatore belga

Salvatore Cantone

Alexis Saelemaekers, calciatore del Milan, ha rilasciato un'intervista ai microfoni di Dazn. Ecco le parole di Saelemaekers: "Con quali compagni gioco alla Playstation? Giocano tanto Tonali, Maldini. Anche Ibra gioca, ma lui preferisce giocare a Fortnite, a me non piace".

Sul calcio: "Per me è un gioco, la gente viene allo stadio anche per vedere giocate come un tunnel. E' importante divertirsi quando si gioca, oltre ovviamente fare quello che mi chiede il mister".

Su cosa deve migliorare: "So che devo fare più gol, sto lavorando tanto per questo. So che è importante anche per la squadra, è quello che deve fare un attaccante. Meglio gol o assist? Preferisco fare assist, ma sarebbe meglio fare entrambi".

Sull'abbraccio con Cristiano Ronaldo in un Milan-Juve 4-2: "Un sogno che non ho realizzato direttamente. Quando sono tornato a casa mi hanno chiesto di quell'abbraccio ed è stato molto carino e mi ha fatto molto piacere. Ronaldo è una grande persona. Una qualità che gli ruberei? La capacità di fare gol in tutte le partita"

Sul suo numero: "Il 56 è il mio primo numero di quando ero all'Anderlecht. Da lì ad adesso mi ha portato fortuna. Sono un po' scaramantico e quando vedo che funziona qualcosa, lo rifaccio. Quando entro in campo faccio due salti sul destro e poi un salto in aria con tutti e due i piedi".

Su chi potrebbe vincere il pallone d'oro tra 5 anni: "Mi sa che per Ibra sarà un po' tardi (ride, ndr). Direi Maldini o Leao. Perchè sono fenomeni. Mi piace tanto vederli giocare, hanno tante qualità e non sono ancora nel miglior momento della loro carriera ma presto diventeranno dei fenomeni".

Sulle sue qualità migliori: "Io non posso dire di essere più forte di un altro ma parlare di sè non mi piace. Preferisco fare il mio lavoro, so cosa devo fare e come lavorare ma parlare di me non mi piace"

Su un possibile singolo musicale con Leao: "No non ci penso a un singolo con lui (ride, ndr). Non so se canto meglio io o lui. A me piace ballare, molto sulla musica afro. Io penso di essere più bravo di lui a cantare ma lo lascio fare così prende un po' di fiducia"

Sullo stadio più bello in cui ha giocato: "San Siro"

Sulla sua paura più grande: ""Il diavolo. Non sapevo cosa dire".

Sul idolo da bambino: "Ronaldo perchè per me era uno dei giocatori più forti"

Sul compagno più lento a rispondere ai messaggi: "Bennacer"

Sulla tipologia di gol più difficile da segnare per lui: "Di testa, troppo difficile per me"

Sul compagno che ascolta la musica peggiore: ""Calabria. Ascolta Electro. Ha messo una volta la musica in spogliatoio ed è stata la prima e ultima volta"

Sul giocatore più forte nel suo ruolo: "Salah. Ogni pallone che tocca, sembra il suo migliore amico. Non sbaglia niente, fa tutto con grande facilità e fa tantissimo gol e assist. Sto lavorando su questa cosa anche io per migliorare". Intanto il Milan sul calciomercato pensa a un grande attaccante.

 

 

tutte le notizie di