Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

MILAN NEWS

Milan, Gazidis: “Abbiamo una storia speciale con Ibrahimovic”

Ivan Gazidis, amministratore delegato del Milan, ha parlato del Nuovo Stadio

Gazidis, amministratore delegato del Milan, ha parlato di moltissimi temi, soffermandosi anche sull'attaccante rossonero.

Stefano Bressi

In occasione del viaggio istituzionale a Dubai fatto recentemente, Ivan Gazidis, amministratore delegato del Milan, ha rilasciato un'intervista alla CNN. Dichiarazioni con cui ricorda quali sono i pilastri del progetto rossonero, affrontando anche i temi cruciali riguardanti il calcio di oggi e di domani. Invitato a EXPO 2020 come leader globale nel mondo dello sport, Gazidis è stato il principale relatore di una tavola rotonda dal titolo "Il futuro del calcio e il suo ruolo nella società: l’importanza di una nuova generazione di stadi sostenibili". Proprio da questo parte l'intervista.

L'incipit: "Nuove infrastrutture sostenibili sono le fondamenta per costruire il futuro del calcio. E In Italia questo è un passo che va fatto. Il calcio in Italia era ai vertici del mondo 20, 30 anni fa, ma non è riuscito a costruirsi delle fondamenta per il futuro. Deve farlo se vuole avere un domani sostenibile, solido ed emozionante. Il calcio italiano può riuscirci, il potenziale che può sbloccare è incredibile. Oggi, il calcio non è più solamente un gioco per uomini. È uno sport accessibile a tutti, sempre più donne si stanno avvicinando al calcio in tutto il mondo. È uno sport globale, quindi deve evolvere per essere più inclusivo. Il primo passo è avere uno stadio sicuro e inclusivo in cui tutti possano realmente sentirsi parte di un evento. Il tema sui nuovi stadi ha portato il dialogo direttamente sul ruolo sociale del calcio e sui temi di inclusione e diversità su cui il Milan è da sempre in prima fila".

Calcio e società: "Credo che il calcio in qualche modo rifletta i problemi della società, ma credo anche che abbia il grande potere di guidare un cambiamento positivo, stimolando riflessioni e soluzioni, fornendo esempi da seguire. Una delle sfide del calcio di oggi è la diversità: è un settore dominato dagli uomini. Ritengo che avremmo molti benefici con un ambiente più inclusivo e diversificato. Al Milan abbiamo lavorato molto su questi temi. Ho lavorato molto anche con la European Clubs Association, dove abbiamo introdotto i concetti di diversità, inclusione ed equità. Ritengo che sfidare lo status quo e il contesto culturale del calcio sia fondamentale. Significherebbe capire meglio il problema e trovare idee migliori per cercare di risolvere il problema".

Razzismo: "Quando ci sono episodi razzisti all'interno del nostro stadio, ci devono essere delle sanzioni efficaci. E alla fine sono i Club che devono affrontare queste situazioni, perché non c'è nessun altro in grado di attuare questo cambiamento sul campo. Devo dire però che nel complesso, se guardiamo agli ultimi 2, 3 decenni, il calcio è stata un'incredibile forza positiva".

Ibrahimovic: "Zlatan è consapevole che ogni anno che passa ha bisogno di adattare il suo fisico e fare evolvere il suo gioco per continuare a essere importante e performante allo stesso livello. Quando lo deciderà, spero possa giocare la sua ultima partita qui al Milan. Abbiamo una storia speciale con Zlatan. Ha davvero restituito qualcosa a tutti, alla squadra e, in modo particolare, a tutti i giovani talenti che stanno crescendo in questo Club".

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di