Milan, Dalot: “Spogliatoio equilibrato, è tutto fantastico”

MILAN NEWS – Lunga e interessante intervista rilasciata da Dalot, terzino rossonero. Ecco tutte le sue dichiarazioni sul club milanista.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi
Diogo Dalot AC Milan

MILAN NEWS – Oggi partirà titolare, Diogo Dalot. Il terzino portoghese classe 1999 è in prestito al Milan dal Manchester United. I rossoneri stanno cercando di trattenerlo, ma i Red Devils chiedono almeno 12 milioni per lasciarlo andare. Nel frattempo, ai microfoni di Record, ecco una lunga e interessante intervista di Dalot.

Senti il peso di giocare in una squadra in cui sono passate leggende del calcio?
“Finora ho avuto l’opportunità di giocare per tre grandi club, in tutte c’erano e ci sono riferimenti mondiali. Questo può servire solo come motivazione. Non c’è bisogno di avere ulteriore pressione o di preoccuparsi. Avere quei giocatori come riferimenti è fantastico”.

Quanto è speciale far parte di questa rinascita del Milan?
“Confesso che è stato uno dei punti che mi ha attirato qui. Ho sempre voluto far parte di una squadra storicamente molto forte, e questo era il momento giusto. Far parte di qualcosa che può trasformare e permettere al Milan di essere dove dovrebbe essere, confesso che mi ha attratto e motivato. Ma il mio pensiero è solo e soltanto essere concentrato su quello che sta succedendo perché nel calcio tutto cambia molto velocemente”.

Stai dimostrando la tua versatilità in campo. È qualcosa che stai migliorando?
“Durante la mia carriera ancora breve ho avuto l’opportunità di giocare in tante posizioni. Per un allenatore è sempre positivo avere un giocatore che può giocare in diversi ruoli. Mi piace dare questa possibilità, anche se voglio costruire la mia carriera da terzino destro. Cerco di fare del mio meglio per giocare e fare del mio meglio, sia come terzino sinistro, sia come portiere o in un’altra posizione. Per me è un grande obiettivo perfezionare la mia posizione e poi essere versatile negli altri”.

Primi in serie A, ci vuole coraggio per sognare il titolo, come ha già detto pubblicamente Ibrahimovic?
“Penso che sia comune a tutti, non solo a Ibrahimovic. Logicamente lui è più abituato a vincere rispetto alla maggior parte della squadra. Nello spogliatoio, come riferimento, aiuta a distinguere questo tipo di momenti, in quale momento dovremmo pensare in un modo, allenarci così. Questa esperienza che ci trasmette è essenziale. È comune a tutti la sensazione e il sogno di voler vincere. Ma sappiamo che è molto difficile, che ci sono altre squadre che hanno vinto molto più spesso e che sono anche molto forti. Ma abbiamo qualità, siamo una squadra forte e lo abbiamo dimostrato. Ora si tratta di andare avanti e di concentrarsi partita dopo partita”.

Il gigante Milan sta tornando e durerà?
“Non possiamo paragonarci al Milan di altri tempi, non avendo vinto titoli, campionati o Champions. Solo così possiamo continuare a pensare, a competere e a confrontarci. Quello che sappiamo è che siamo sulla strada giusta”.

Com’è lo spogliatoio? L’immagine è che c’è molta unità…
“È fantastico. È una cosa che mi ha sorpreso molto positivamente. È dovuto molto all’equilibrio tra giocatori più esperti e giovani. Ho l’opportunità di condividere uno spogliatoio con molti giocatori della mia generazione, altri un po’ più grandi ma relativamente vicini alla mia. Questo aiuta. La volontà e l’energia sono le stesse. Non voglio dire che sia perfetto, ma è un equilibrio molto appropriato per ciò di cui abbiamo bisogno e che vogliamo avere. Che sia dal team tecnico ai magazzinieri o agli aiutanti. È fantastico e mi ha sorpreso”.

C’è un altro attaccante portoghese. È perfetto che Rafael Leão sia al Milan?
“Certo che lo è. Avere qualcuno che conosci da quando avevi 15 anni ti rende più facile entrare nella squadra, è un vantaggio. Mi ha aiutato in molti modi. È stato bello avere in squadra qualcuno che già conoscevi. È una persona che mi è molto cara da quando l’ho conosciuta ed è stato bello avere il suo aiuto”.

Anche sul campo avete mostrato questa connessione. Lascerete un’impronta portoghese in questo Milan?
“Credo di sì! È per noi motivo di orgoglio rappresentare il Portogallo ai massimi livelli, ancora di più in un club come il Milan. Ha fatto e sta facendo un ottimo lavoro da quando è arrivato ed è stato un punto di riferimento per la squadra. Avere anche questo legame con il Portogallo è fantastico e motivo di orgoglio per i portoghesi, spero. È un segno che i giocatori portoghesi stanno dimostrando che devono essere al top”.

Come è essere allenato da Pioli in Italia?
“Il calcio in Italia è molto tattico e difensivo. Essere qui mi sta aiutando molto ad avere quell’equilibrio e ad essere sempre più completo. Pioli è essenziale per il legame che ha con i giocatori e con me fin dall’inizio, per il modo in cui interagisce. Lui è essenziale per la squadra”.

Come è stato essere presentato al fianco di Paolo Maldini?
“Maldini rappresenta tutto ciò che il Milan è stato e ha vinto. Dopo aver terminato la sua carriera ha questo ruolo molto importante, ha la passione e la volontà di riportare il club al livello che merita. È fantastico condividere momenti con le persone che hai avuto come riferimento. Ha spiegato che l’obiettivo suo e della sua società è quello di riportare il Milan nei palcoscenici dove merita di stare. Sa che ci vuole tempo, ma sentiamo di essere sulla strada giusta”.

Naturalmente dobbiamo parlare di Ibrahimovic. Com’è allenarsi e giocare con lui, stare in un giovane spogliatoio?
“Sono stato con persone che erano con lui allo United. L’anno in cui sono arrivato a Manchester è quando lui è andato negli Stati Uniti. Mi era sempre dispiaciuto non averlo incontrato allo United. Qui è stata un’esperienza molto positiva. È una persona che ha una forte personalità, ma è bello condividere lo spogliatoio con lui, perché riesci ad essere sia una persona esigente quando devi allenarti e giocare, sia una persona divertente, un compagno di squadra che è lì per aiutarti e parlare di cose che non solo riguardano il calcio. Per un compagno di squadra incontrarlo di persona è fantastico. Senza di lui, le cose sarebbero un po’ più difficili. Averlo intorno rende tutto più facile. È stata una bella sorpresa. Chi non lo conosce pensa che non si possa parlare con lui, ma è il contrario. Una persona 5 stelle”.

C’è una Milan-Juventus alla porta. Affrontare Ronaldo è un altro sogno dopo aver giocato contro Messi e ora accanto a Ibra? Ti vedi a rubargli la palla e partire in contropiede?
“Lo spero! Ho avuto modo di incontrarlo quest’estate per la prima volta e lui è un punto di riferimento. È sempre stato il mio idolo. Condividere il campo con i migliori è il sogno di ogni giocatore e anche poter giocare contro i migliori sarebbe anche un sogno che si avvera. Sarà un bel momento se succederà, qualcosa che conserverò”.

Hai lasciato il Porto per il Manchester United, faresti qualcosa di diverso? Immagino che non si dica di no a United e José Mourinho, anche se molti hanno detto che sei uscito troppo giovane.
“Sono onesto, non ho nessun tipo di rimpianto per ogni passo che ho fatto finora nella mia carriera. In quel momento era il passo che dovevo fare. La persona e il giocatore che sono oggi e che potrò diventare, è dovuto anche a questo difficile passo. Certo, quello che è successo e quello che è stato detto in giro è normale, fa parte del calcio. Quello che provo e proverò per  l’FC Porto va avanti dal momento in cui sono arrivato al club. Io sono tuttora socio ed ho il mio abbonamento al Dragão. Adoro questo club, ma era giusto accettare l’offerta del Manchester”.

Tornando allo United, Mourinho ha detto che tu eri il miglior terzino della tua età. Sono parole che conservi ancora?
“È una delle tante frasi che ho conservato di Mourinho. È stata una persona molto importante nella mia carriera ed è una persona che tengo con un affetto speciale nel mio cuore. Lavorare con lui è stato fantastico. Ho imparato molto e sono contento che si stia vivendo un bel momento. Tengo queste frasi non per vantarmi, ma come motivazione e per rispondere, non solo a lui ma anche a me, perché penso che un giorno potrò essere un riferimento. Devo lavorare e correre molto”.

Con più minuti rispetto alla scorsa stagione, è stata davvero la decisione giusta?
“Sapevo che venire al Milan sarebbe stato un buon passo avanti se si fosse concretizzato. Finora non ho motivo di lamentarmi. Ho sempre creduto nel mio valore e molto di questo è venuto fuori. Continuare così ed evolvere ancora di più sono gli obiettivi perché so che c’è ancora molto da fare”.

Perché il Milan?
“Un motivo è stata la conversazione che ho avuto con Maldini. È stato essenziale il modo in cui mi hanno presentato il progetto e la volontà che hanno mostrato nel volere me, anche se si trattava di un prestito secco, come si suol dire. Questa volontà era essenziale. Poi ha a che fare con la squadra, dove ci sono tanti giovani, voglia di vincere, voglia di lavorare come piace a me. E c’erano aspetti che non conoscevo e dopo il mio arrivo sono andato a vedere e mi ha fatto piacere. È venuto tutto insieme”.

È questo l’anno in cui ti togli l’etichetta di giovane promessa o di ragazzo per diventare un riferimento?
“Credo di sì. Quello che gli altri mi mettono addosso è difficile da controllare. Come giocatori, dobbiamo cercare di migliorare ogni giorno ed è quello che sto facendo. Naturalmente voglio essere un punto di riferimento per molte persone. Per me, deve essere un obiettivo per voler crescere e diventare un riferimento nel top”.

Ti senti un giocatore da nazionale maggiore?
“La Nazionale A è sempre stato un obiettivo e lo sarà sempre. Sono pronto a lavorare il più possibile per il prossimo allenamento e la prossima partita. So che se le cose vanno bene e come voglio io, naturalmente questo può accadere”.

Fernando Santos ha già fatto il tuo nome. Che effetto fa?
“È un segno che sta osservando, vedendo quello che ho fatto e quello che posso ancora fare. Dà solo più responsabilità e più motivazione. La nazionale principale è un sogno e un obiettivo chiaro, ma so che è qualcosa che avverrà in modo naturale e quando l’allenatore pensa che sarà il momento giusto. La competizione è abbastanza forte, ma non è una cosa che mi ha scoraggiato o che rompe il mio sogno di rappresentare la nazionale ai massimi livelli. Mi dà più forza e motivazione. In ogni posizione abbiamo giocatori fantastici. È una squadra in crescita e straordinaria”.

CALCIOMERCATO AC MILAN – LE NEWS DELL’ULTIM’ORA >>>

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy