news milan

Luiso: “La rovesciata al Milan e le chiamate di Galliani”

Pasquale Luiso, ex attaccante napoletano classe 1969, ha raccontato alcuni retroscena sulla sua carriera. La rovesciata al Milan e le chiamate di Galliani

Giacomo Giuffrida

NEWS MILAN - L'intervista di Pasquale Luiso, ex attaccante napoletano, legato al Milan per una storica rovesciata che segnò contro i rossoneri. Ai microfoni di Radio Musica Television, ha dichiarato: "Non faceva per me la panchina, altrimenti avrei accettato di andare al Milan. Ma poi avrei voluto giocare al fianco di Weah".

Questa l'intervista completa a Luiso: "È capitato che dopo una partita contro la Lazio, Nesta mi chiese di andare a Roma. Ogni anno sono stato sempre vicino al passaggio al Napoli, quando andavo al San Paolo venivo fischiato, perché pensavano non volessi giocare lì. In ogni sessione di mercato quando arrivava il momento saltava sempre tutto, purtroppo non ero seguito da quei procuratori che facevano affari con i partenopei. Ci sono stati centravanti a Napoli a cui non avevo nulla da invidiare. Mutti, quando arrivò in azzurro, chiese come primo calciatore Luiso, ma non si fece nulla. Se avessi fatto come altri calciatori, avrei accettato di buon grado la panchina al Milan, ma non sarebbe stato da me, perché io volevo sempre giocare, figuratevi se non l'avessi voluto fare al fianco di Weah."

L'aneddoto relativo al Milan: "Dopo quel gol fatto di rovesciata contro il Milan (era un Piacenza-Milan, 1996, finì 3-2, ndr), sui vari giornali uscì che Berlusconi era innamorato di Luiso. Galliani chiamò Fulvio Frangiamone, mio procuratore per 20 anni e gli chiesero se mi lamentassi o meno di eventuali panchine". Intanto il Milan pensa al futuro e guarda al calciomercato: ecco gli obiettivi >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

Potresti esserti perso