Lazio, Tare attacca: “Il Governo non ci prenda in giro. Scudetto? Ci siamo”

NEWS LAZIO – Igli Tare: “Alla Lazio tutti i test sui giocatori sono risultati negativi. Proveremo a vincere lo scudetto fino alla fine”

di Antonio Tiziano Palmieri
Igli Tare Lazio

NEWS LAZIOIgli Tare, direttore sportivo della Lazio, ha rilasciato un’intervista al quotidiano Repubblica, in cui ha parlato della Serie A in generale e del suo club. Ecco le parole di tare.

Sulla ripresa dell’attuale campionato: “Fermarsi adesso vuol dire, quasi certamente, non ripartire neanche a settembre: molti mesi di inattività sarebbero allucinanti. Ci invidiano e pensano che il calcio sia soltanto la serie A, invece sono migliaia di persone e famiglie che lavorano. Abbiamo il dovere di difenderle. Il Governo ci sta prendendo in giro, queste continue complicazioni sono ridicole. Non posso pensare che il ministro Vincenzo Spadafora sia così irresponsabile da farlo apposta. Siano più chiari perché il pallone può essere davvero il segno della vita che ricomincia. I test sui giocatori della Lazio sono risultati tutti negativi, e nessuno di loro si è mai allontanato da Roma”.

Sull’ultimo Scudetto della Lazio di 20 anni fa: “Stavo vedendo la partita nella mia casa di Kaiserslautern, ero con un gruppo di amici. La partita della Lazio era finita, a Perugia in quel nubifragio sembrava non finire mai, poi fu scudetto. Per quest’anno invece, noi ci siamo e proveremo a vincerlo. A chi dice che vogliamo continuare il campionato solo per interesse personale, dico che non ha capito niente. Il calcio dà da vivere a 370 mila persone, se si ferma sarà il fallimento per tanti e l’Italia perderà pezzi di storia non solo sportiva. Sarà un disastro sociale”.

E intanto sulla ripresa della Serie A, sono arrivate anche le parole di Giovanni Malagò. Se vuoi conoscere le sue parole, continua a leggere >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy