Ibrahimovic: “Il Milan è casa mia. Ecco perché ho scelto la numero 11”

Ibrahimovic: “Il Milan è casa mia. Ecco perché ho scelto la numero 11”

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Zlatan Ibrahimovic ha rilasciato un’intervista esclusiva a Milan TV dopo il comunicato ufficiale sul suo rinnovo di contratto

di Alessio Roccio, @Roccio92
Zlatan Ibrahimovic Milan

ULTIME NOTIZIE MILAN NEWS – Zlatan Ibrahimovic ha rilasciato un’intervista esclusiva a Milan TV dopo il comunicato ufficiale sul suo rinnovo di contratto.

“Mi sento di essere sempre stato del Milan anche quando giocavo in altre squadre. Il Milan mi ha sempre trattato bene. Quando sono arrivato la prima volta non avevo sorriso nel mio lavoro, invece il Milan me lo ha dato. Mi sento a casa e che non sono mai andato via”.

Sulla scelta del numero 11: “I tifosi mi conoscono con questo numero e volevo rimetterlo. Con il 21 non mi sentivo lo stesso di una volta. Ho chiesto di avere l’11, è il mio numero”.

Sulla stagione: “Sono venuto qui per riportare il Milan dove deve essere. Faccio di tutto per raggiungere gli obiettivi, serve lavorare e fare sacrifici. Abbiamo capito cosa serve per arrivare agli obiettivi. Non dobbiamo scordare che non abbiamo vinto niente, io voglio vincere e ho questo obiettivo in questa stagione”.

Sulla scelta del Milan di riportarlo a Milano: “Ringrazio società e mister per la fiducia che hanno in me. Il Milan ha fatto tutto per tenermi. Ho mostrato che l’età non c’entra niente, sono ancora qua. Mentre ero in vacanza ha parlato tanto con società, mister e compagni. Pensavo solo al Milan e a cosa fare per aiutare la squadra”.

Sugli obiettivi del Milan: “Dobbiamo continuare come abbiamo finito la stagione, giocando con fiducia e orgoglio. Quando giochi per il Milan è qualcosa di grande e porta pressione. Tutti abbiamo fatto bene nella seconda parte di stagione e abbiamo capito cosa serve per stare in alto. Dobbiamo iniziare subito bene”.

Su Pirlo allenatore della Juventus: “Sono molto contento per lui. Già da calciatore si vedeva che sarebbe diventato allenatore, si vedeva che avrebbe un altro pensiero. Avrà una possibilità di allenare un grande club e sono sicuro che farà bene”.

Su Hakan Calhanoglu: “Sapevo chi era quando l’ho conosciuto. Gli ho detto che avere il numero 10 al Milan è una grande cosa, comporta responsabilità e pressioni. Ma lavorando forte avrebbe potuto fare bene. Ha lavorato in modo incredibile e deve continuare. Non basta mai, devi avere una mentalità che ti porta a non essere mai soddisfatto. Spero continui così e anche facendo di più”.

Sulla filosofia che tutto il gruppo deve avere: “Dobbiamo avere mentalità vincente anche nelle difficoltà, solo così si arriva agli obiettivi. Bisogna lavorare duro e crederci sempre. Io metto pressione sempre a me stesso e ai compagni. Bisogna dare 200% in allenamento e in partita”.

TONALI ASSISTMAN, LA STATISTICA CHE FA SOGNARE IL MILAN>>>

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy