Giampaolo, al Derby arriva un Milan senza idee

Giampaolo, al Derby arriva un Milan senza idee

I rossoneri hanno raccolto 6 punti su 9 nelle prime giornate, ma faticando enormemente. La squadra di Giampaolo fa fatica ed è palese. Sabato c’è l’Inter.

di Stefano Bressi, @StefanoBressi

ULTIME MILAN – 6 punti in 3 partite. Bilancio non eccellente, ma comunque positivo. I numeri, però, sono freddi e non lasciano spazio a interpretazioni. Il calcio è tutt’altra cosa. Bisogna valutare e capire come sono arrivati questi punti. A volte si raccoglie meno, ma si dà la sensazione di essere in palla; a volte si raccoglie più di quanto magari si meritasse. Questi 6 punti del Milan sono arrivati con la squadra rossonera che in 3 dei 6 tempi giocati finora non ha mai tirato nello specchio della porta avversaria.

La squadra di Marco Giampaolo fa fatica ed è palese. Che poi, magari, tra qualche settimana le cose possano cambiare radicalmente e si possa assistere a un calcio spettacolare nessuno lo mette in dubbio e anzi ce lo si augura per il tecnico e per la squadra. A oggi, però, la situazione è complicata. E oggi è il giorno in cui ne mancano 4 a una delle partite più importanti dell’anno: il Derby.

Sabato sera si affronteranno Milan e Inter, che a livello emozionale vivono situazioni diametralmente opposte. I nerazzurri gasati dall’arrivo di Antonio Conte e Romelu Lukaku si trovano a punteggio pieno e sicuri delle proprie capacità. I rossoneri hanno 6 punti, ma sono pieni di dubbi e perplessità, poco sicuri di sè stessi. In realtà anche l’Inter ha vinto senza brillare, ma la testa nel calcio è una componente importante. Certo è che alla fine ciò che conta è il gioco, ma il Milan può contarci anche meno dell’Inter.

I rossoneri sono apparsi senza idee, incapaci di rendersi pericolosi. A eccezione degli ultimi 10 minuti col Brescia, non si ricordano parate dei portieri avversari e uno dei 2 gol segnati è arrivato su calcio di rigore. Il problema pare essere nel fatto che il Milan non riesca a scardinare le difese avversarie: sia Udinese che Hellas Verona hanno giocato una partita molto attenta in fase difensiva, chiudendosi e lasciando pochi spazi. Il Milan ha tenuto il controllo del pallone, ma non è mai stato capace di trovare varchi e mandare uomini davanti al portiere. Mancanza di idee. Ciò che non ci si aspettava quando è stato scelto Giampaolo. Viceversa, negli ultimi minuti col Brescia il Diavolo ha potuto beneficiare di più spazi (tant’è vero che il palo di Paquetà e una delle occasioni di Krzysztof Piatek arrivano in contropiede), dovuti al fatto che le Rondinelle si sono aperte per provare a trovare il pareggio.

Sabato si giocherà contro una delle squadre che, sulla carta, hanno una delle difese migliori. Conte, inoltre, non sarà un maestro del bel gioco, ma è abile stratega. Difficile pensare che non prepari la partita in modo da non lasciare spazi al Milan. Urge dunque trovare soluzioni alternative, urge trovare idee. Intanto ha parlato l’agente di Paquetà… Continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy