Pianeta Milan
I migliori video scelti dal nostro canale

ESCLUSIVA MILAN

Milan, Lodetti: “Kessie ha sbagliato. Ibrahimovic? Bisogna guardare oltre” – ESCLUSIVA

La nostra intervista esclusiva a Giovanni Lodetti, ex giocatore AC Milan (credits: Getty images)

Per parlare della più stretta attualità legata al Milan, la nostra redazione ha intervistato in esclusiva l'ex rossonero Giovanni Lodetti

Redazione

Il Milan pensa al presente, ma anche al futuro. La squadra di Stefano Pioli si sta giocando lo scudetto con Napoli, Inter e Juventus, con Maldini e Massara che pensano però anche a dei nuovi acquisti. Inoltre non dimentichiamoci l'addio di Franck Kessie, che, al termine della stagione, passerà al Barcellona. Per parlare di questo e tant'altro, la nostra redazione ha intervistato in esclusiva Govanni Lodetti, storico ex giocatore rossonero. Ecco cosa ci ha detto.

Il Milan è la favorita numero uno per lo scudetto?

“Numero uno no, però – a mio parere – è a pari merito con l’Inter a livello di forza”.

Non teme il Napoli in ottica tricolore?

“A mio parere sarà lotta tra le due milanesi”.

L’ha stupita la scelta di Kessie di guardarsi intorno, prediligendo altre destinazioni?

“Lo dico senza mezzi termini: per me Kessie ha sbagliato”.

Per quali ragioni?

“Perché gioca nel Milan. Non c’è bisogno che mi metta a spiegare io la storia del club rossonero. Lascerebbe il Milan per andare al Barcellona? Milan e Barcellona hanno la stessa storia. Anzi: i rossoneri hanno vinto anche di più in Europa”.

A suo parere è un passo indietro nella carriera dell’ivoriano?

“Non si possono fare previsioni, però abbiamo l’esempio di Donnarumma sotto gli occhi. Poteva diventare capitano del Diavolo e scrivere la storia del club. Ha scelto un ingaggio di qualche milione in più. Ai miei tempi, io non avrei mai fatto questo ragionamento”.

A proposito di futuro del Milan: Ibra ha ancora cartucce da sparare?

“Ibra è un campione, ma bisogna anche guardare oltre. Non gli riescono più i dribbling e i gol di una volta. Il Milan inizi a pensare anche a un attaccante giovane, in grado di poterlo emulare e di segnare tanti gol”.

Capitolo prospettive: dove può arrivare Tonali?

“Per me fa già la differenza adesso. Il Milan cambia proprio volto a seconda di quando c’è Tonali e di quando non c’è Tonali”.

Leao è un potenziale fuoriclasse?

“Calma! Fuoriclasse vuol dire saper fare già tutto. Leao ha grandi potenzialità, ma non si può considerare un fuoriclasse”.

Ha parlato dell’importanza di valorizzare calciatori giovani. Qual è l’identikit perfetto del calciatore di cui necessita Pioli?

"Io, fossi nel Milan, punterei solo su giovani italiani. Pioli è un maestro in questo senso”.

Punterebbe a Scamacca e Frattesi?

“Io farei un tentativo. Il Milan potrebbe aprire un ciclo di ambizioni europee, ponendo al centro del progetto calciatori giovani e italiani. Ma mi sembra sia quello che stia già avvenendo…”. Milan, le top news di oggi: Origi si avvicina, Ibra titolare a Cagliari.

Le ultime notizie sul Milan anche su Google News: CLICCA QUI E SEGUICI

tutte le notizie di