ESCLUSIVA – De Biasi: “Milan, non mettere in discussione Pioli. Vi racconto Kumbulla”

Gianni De Biasi, ex allenatore di Brescia, Udinese e Nazionale albanese, ha parlato a ‘PianetaMilan.it’ della stretta attualità e dei colori rossoneri

di Peppe Gallozzi
Gianni De Biasi Albania Euro 2016

NEWS MILANIl dibattito sulla possibile ripresa della serie A sta entrando nel vivo. Le squadre stanno richiamando i propri giocatori nella speranza che si possa tornare in campo e terminare la stagione sportiva 2019-2020.

Della stretta attualità, e ovviamente di Milan, abbiamo parlato in esclusiva per PianetaMilan.it con Gianni De Biasi, ex tecnico (tra le altre) di Brescia, Torino, Udinese e Nazionale albanese.

De Biasi, crede nelle possibilità di ripartenza per la serie A? “Navighiamo a vista, francamente non riesco a dare una risposta. Trovo assurdo che dal 4 maggio ci si possa allenare al parco e non al centro sportivo che è il posto più protetto in assoluto. Magari ci si può allenare in piccoli gruppi poi. Appurato tramite tamponi che non ci sono contagiati, ci si può avvicinare”.

Penalizzante per le squadre questa modalità d’allenamento? “Il calcio è uno sport di squadra, certi lavori li devi fare in gruppo. Ci sono le esercitazioni di reparto, ad esempio”.

La provocazione di Claudio Lotito circa uno spareggio tra Juventus e Lazio per decidere il campionato come l’ha letta? “Esagerata. La Juventus non avrebbe nessun interesse. Va detto che prima dell’interruzione la Lazio era la formazione più in forma di tutte, capisco lo stato d’animo di Lotito”.

Trova giuste le decisioni del Ministro Vincenzo Spadafora in merito agli allenamenti delle squadre? “Secondo me il Ministro non ha ben presente la situazione. Mi sembra assurdo dare la possibilità ad alcuni di allenarsi al parco, sembra che non abbia idea di come sia la struttura dei centri sportivi. L’ho travata un’uscita che fa capire che ha una bassa conoscenza della materia”

Parlando di Milan, trova giusto l’eventuale allontanamento di Stefano Pioli? “Io sono sempre schierato al fianco degli allenatori. Non trovo giusto mettere Stefano in discussione nonostante un discreto campionato per le potenzialità della squadra. C’è da capire dove la dirigenze vuole posizionare la barra. Pioli è un tecnico equilibrato, intelligente che non fa dichiarazioni roboanti e magari al popolino piace poco. In carriera, tuttavia, ha sempre fatto bene”.

Spesso al Milan viene associato il difensore albanese del Verona Marash Kumbulla. Lo riterrebbe da Milan? “Sì, ha tutte le carte in regola. Ha dimostrato di far bene in una realtà come Verona, è giovane, alto e forte nel gioco aereo. Ha la giocata del centrocampista. Non è velocissimo nei primi metri ma legge in anticipo le situazioni. Ha una strada tracciata oltre ad essere un bravissimo ragazzo”.

Lei era in panchina con il Brescia nel giorno dell’ultima partita di Roberto Baggio a San Siro. Come ricorda quel giorno? “Lo ricordo come fosse adesso. Avevamo concordato tutto per la sua sostituzione prima della fine. Fu una festa, il Milan vinse lo Scudetto 2003-2004 e chiuse in bellezza. Roberto uscì con l’applauso di tutto San Siro. Fu da brividi quell’abbraccio”. LEGGI QUI LE RISPOSTE SOCIAL DI ANTONIO DONNARUMMA AI TIFOSI DEL DIAVOLO >>>

SEGUICI SUI SOCIAL : CLICCA QUI ⇓

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy