Buffa: “Non credo che si potrà abbattere del tutto San Siro”

Buffa: “Non credo che si potrà abbattere del tutto San Siro”

Federico Buffa, giornalista sportivo e tifoso rossonero, ha parlato della possibilità che venga realizzato un nuovo stadio a Milano, in zona San Siro

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANFederico Buffa, giornalista sportivo e tifoso rossonero, ha parlato della possibilità che venga realizzato un nuovo stadio a Milano, in zona ‘San Siro‘ e che, contestualmente, venga abbattuto l’attuale impianto sportivo meneghino, il ‘Giuseppe Meazza‘. Queste le dichiarazioni di Buffa a ‘Le Fonti TV‘.

“Non credo che potranno abbattere del tutto ‘San Siro‘ perché dovranno essere moralmente vincolati a quello che c’è stato in quello stadio. Abbatterlo del tutto per me sarebbe eccessivo. Ad esempio, a Wembley l’esterno l’hanno tenuto com’era, lo stesso vale per il Maracanà. ‘San Siro‘ è meno attraente dal punto di vista architettonico per quanto riguarda l’esterno però qualcosa dovranno fare – ha dichiarato Buffa -. Penso che soprattutto il Milan sia obbligato ad avere uno stadio nuovo perché il Milan è in vendita. E poi ‘San Siro‘ non è uno stadio di proprietà, e in questo c’è un’enorme differenza tra Italia e resto del Mondo. L’Emirates Stadium, l’impianto più bello e funzionale di oggi, ma anche il Santiago Bernabéu sorgono tutti su terreni di proprietà”.

“Poi nel caso di Milano, la grande anomalia è che lo devono condividere due squadre: non esiste un altro caso al mondo così e questo inciderà in qualche modo – ha concluso Buffa – . Ci sono tanti passaggi lacunosi in questa storia ma alla fine è evidente che prevarrà la questione business. Soprattutto per il Milan è molto importante avere uno stadio che possa gestire”. Sulla questione del possibile nuovo stadio a Milano, intanto, il quartiere di ‘San Siro‘ è diviso: continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy