Bilancio Milan, ecco il perchè del rosso di 146 milioni nel 2019

Bilancio Milan, ecco il perchè del rosso di 146 milioni nel 2019

Il Milan ha registrato un passivo record a bilancio di 146 milioni dopo la fine della stagione 2018-2019. Ecco il perché di questa considerevole perdita

di Renato Panno, @PannoRenato

ULTIME NEWS MILAN‘Calcio e Finanza‘ prova a dare una chiave di lettura per capire il perché il Milan abbia registrato un buco di bilancio pari a 146 milioni di euro, stabilendo così il record negativo della sua storia. L’ipotesi della ‘pulizia del bilancio’ emersa nelle scorse sembra non reggere del tutto, ma sarebbero altre le motivazioni principali tra cui la flessione dei ricavi,  l‘aumento del costo del personale e una campagna acquisti abbastanza dispendiosa.

La flessione dei ricavi è dovuta, ovviamente, ad un discesa verticale dell’appeal del marchio Milan che, negli ultimi anni, ha subito un vistoso calo. L’obiettivo di Ivan Gazidis è quello di aumentare i ricavi ma è chiaro che al momento questo aspetto vive una fase di stallo.

Importante è notare come la campagna acquisti del Milan sia stata molto dispendiosa. Elliott ha consegnato a Leonardo un budget considerevole per le scorse sessioni di mercato, adottando così una strategia che è stata rinnegata dopo un anno, con l’accettazione dell’estromissione del Milan dalle Coppe Europee.

Nella stagione 2018-2019 è aumentato di molto anche il monte ingaggi con l’arrivo di giocatori come Gonzalo Higuain o Tiémoué Bakayoko, Ma non solo: anche il rinnovo con adeguamento di calciatori già in rosa, come Alessio Romagnoli, e la permanenza in rosa di giocatori in esubero con stipendi importanti, come Riccardo Montolivo e Andrea Bertolacci, ha fatto sì che ci fosse un  aumento di 33,89 milioni rispetto al 2017-2018.

Intanto Gennaro Gattuso voleva Franck Ribery al Milan, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy