Serie A femminile, Florentia-Milan 1-2: altri 3 punti con il fattore G!

ULTIME NOTIZIE MILAN FEMMINILE – Le rossonere sbancano il Santa Lucia battendo per 2-1 la Florentia con una doppietta di Giacinti: il nostro commento al match

di Redazione
Milan Femminile Valentina Giacinti

Serie A femminile, Florentia-Milan 1-2: altri 3 punti con il fattore G!

 

Di Giovanni Picchi

ULTIME NOTIZIE MILAN FEMMINILE – Le rossonere sbancano il Santa Lucia battendo per 2-1 la Florentia con una doppietta di Valentina Giacinti. “El segna semper lée” regala i 3 punti al Milan, che stacca il Sassuolo (+8) e mantiene la distanza di 3 lunghezze dalla Juventus.

IL GGG
L’ha fatto ancora. “El segna semper lée” non si smentisce mai, altra doppietta messa a segno. E’ la 4° stagionale, formata dalle reti numero 11 e 12 in questa prima parte di 2020/21. Di nuovo, la chiave vincente di questo Milan è il GGG. Che non sta per “Grande Gigante Gentile”, bensì per Giacinti, Gol, la cosa che il numero 9 sa fare meglio, e Ganz, che nonostante le critiche per il gioco non smette di vincere.  Poi, è proprio dal tecnico milanista che abbiamo tratto il soprannome di Giacinti. “El segna semper lée”, che dà spettacolo sotto gli occhi di quello che chiamavano “El segna semper lù”.

LA PARTITA
Il Diavolo si dirige al Santa Lucia di San Gimignano non certo con l’animo sereno. La posta in palio è alta, e in casa della Florentia le rossonere non hanno mai vinto. Anche se questa squadra è diversa dal Milan delle stagioni precedenti, e c’è una forte consapevolezza delle proprie potenzialità, le cattive memorie del passato restano.
Con perfetta puntualità, il direttore di gara fischia l’inizio.
Il Milan parte forte, e dopo appena 4 minuti di gioco arriva il vantaggio. La spinge dentro a pochi passi dalla porta Valentina Giacinti, a spazzare via i brutti ricordi.
Il capitano rossonero è in giornata, e al 13’ cerca l’eurogol dalla distanza. Ma stavolta la palla si perde sul fondo.  Il Diavolo va ancora vicino al raddoppio 12 minuti più tardi, con Boquete che va vicina la primo centro in rossonero: la traiettoria però è troppo alta. Al 31’ ci prova invece Natasha Dowie, galvanizzata dalla rette con il Verona, ma il tiro dell’inglese viene deviato in corner dal portiere Friedli.
La prima mezz’ora è un dominio rossonero, ma al 36’ arriva il pareggio. Come un fulmine a ciel sereno, Anghileri tutta sola davanti a Korenciova non sbaglia: 1-1.
Il rischio di subire il contraccolpo psicologico è alto, ma il Diavolo non si scompone e si riversa subito all’attacco. E al 44’ Boquete, tentando il gol olimpico, colpisce il palo direttamente dalla bandierina: spagnola sfortunata.
La ripresa comincia sull’onda della precedente, il Milan va all’arrembaggio.
Dopo 9 minuti Friedli è ancora decisiva, neutralizzando la conclusione di Valentia Giacinti, che aveva colpito quasi a botta sicura. Al 65’ si ripete lo scontro fra le due, ma stavolta il risultato è diverso.
La subentrata Claudia Mauri approfitta dell’errore della difesa della Florentia, e serve Giacinti in mezzo all’area. Ancora uno contro uno con il portiere, il 9 rossonero non spreca anche la seconda opportunità e gonfia la rete. 2-1 per il Milan, ennesima doppietta di “El segna semper lée”.
La Florentia fatica ad essere pericolosa, il secondo vantaggio rossonero è un duro colpo per le padrone di casa. Serve un episodio, che puntualmente arriva.
Quando mancano 8 minuti al 90’, Cantore si impossessa di una palla vagante ed arriva a tu per tu con Korenciova. L’attaccante della Florentia impatta di destro il tiro del 2-2, ma la nazionale slovacca vola e mette in corner con la punta delle dita. Miracolo clamoroso di quella che, non a caso, è il portiere meno battuto del nostro campionato.
Nel finale sale in cattedra la stanchezza e le occasioni scarseggiano. Al 94’ l’arbitro fischia tre volte: ancora una volta, vince il Milan.

VITTORIA IMPORTANTE
Vincere fa sempre bene, ma in certi casi un successo vale più di 3 punti. Al Santa Lucia il Milan infatti ha espugnato per la prima volta il fortino della Florentia e, grazie al passo falso del Sassuolo, ha consolidato la propria posizione in classifica. La Juve-piglia-tutto ha vinto ancora, e la sensazione è che sarà decisivo lo scontro diretto. Che verrà disputato dopo la Coppa Italia, precisamente il 7 marzo. Ormai lo Scudetto non è più solo un sogno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy