Hellas Verona-Milan femminile, Serie A: formazioni e dove vederla

ULTIME NOTIZIE MILAN FEMMINILE – Nel lunch-match di sabato spetterà ad Hellas Verona e Milan aprire l’undicesima giornata di Serie A femminile: tutto sul match

di Redazione
esultanza Milan Femminile Milan-Sassuolo Serie A

Hellas Verona-Milan femminile, Serie A: formazioni e dove vederla

 

ULTIME NOTIZIE MILAN FEMMINILE – Nel lunch-match di sabato spetterà ad Hellas Verona e Milan aprire l’undicesima giornata di Serie A femminile. Allo Stadio Aldo Olivieri di Verona, le rossonere proveranno a tornare alla vittoria dopo la brutta sconfitta in Supercoppa Italiana contro la Fiorentina.

DOVE VEDERLA: Timvision, Milan TV (disponibile su Dazn) e Sky (in diretta dalle 12.15 su Sky Sport Uno e Sky Sport Serie A).

PROBABILI FORMAZIONI:

VERONA (3-5-2)
: Durante; Meneghini, Ambrosi, Mella; Ledri, Colombo, Sardu, Solow, Jelencic; Bragonzi, Nichele.
Allenatore: Matteo Pachera

MILAN (3-5-2): Korenciova; Vitale, Fusetti, Agard; Bergamaschi, Grimshaw, Jane, Boquete, Tucceri; Dowie, Giacinti.
Allenatore: Maurizio Ganz

OBIETTIVO REAZIONE

“Non giudicatemi per i miei successi ma per tutte quelle volte che sono caduto e sono riuscito a rialzarmi.” diceva Nelson Mandela, e in questo autunno il Milan femminile ha subito appreso l’insegnamento dell’ex leader sudafricano. Il 5 ottobre, per la precisione, le rossonere hanno rimediato a San Siro contro la Juve la prima sconfitta stagionale, ma hanno avuto una reazione formidabile. Nel post-Milan-Juventus, Giacinti e compagne hanno inanellato una striscia di 8 successi consecutivi. Ma in apertura di 2021, la sconfitta contro la Fiorentina è stata un’altra brusca battuta d’arresto. Uno stop amaro, sicuramente peggiore del precedente, perché il Milan partiva favorito sulla carta e in palio c’era una finale. Adesso occorre una reazione, una di quelle che la squadra di Ganz ha già dimostrato di poter compiere. E l’occasione arriva subito contro il Verona.

TANTA DIFFERENZA

Le squadre che scenderanno in campo all’Olivieri di Verona, però, hanno ben poco in comune. A parte un allenatore ex-giocatore ed il modulo, forse, nulla.
All’antivigilia dell’inizio del girone di ritorno, l’Hellas si trova apparentemente senza obiettivi e problemi di classifica. Il traguardo prefissato ad inizio stagione era quello di restare nella massima Serie, come successo nelle ultime due stagioni, ed i 10 punti ottenuti valgono la nona posizione in classifica, con 7 lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione. Sicurezza.
La squadra scaligera in questa stagione ha dimostrato di non avere particolari lacune difensive: i 14 gol subiti sono nella media del campionato. Mister Pachera dovrà però lavorare sulla fase offensiva, considerando che le 7 reti (terzo peggior attacco) sono una cifra troppo esigua.
Il Milan viaggia su altre frequenze. La sconfitta con la Viola, seppur deludente, non è abbastanza per rovinare l’ottimo momento delle rossonere. Il Diavolo infatti rimane una delle migliori realtà di questo campionato, e possiede tante armi per far male agli avversari. Là davanti l’accoppiata Dowie-Giacinti, la D&G, si è dimostrata letale in varie occasioni, specialmente quando le due attaccanti vengono servite nel modo giusto. E se in giornata, con la qualità di Boquete, le geometrie di Jane e le incursioni di Grimshaw e Bergamaschi questo Milan può diventare davvero devastante. Per non parlare della difesa, che con appena 4 gol subiti è la migliore della Serie A.
I numeri sostengono la grande qualità della rosa rossonera: i 9 successi valgono quota 27 punti in campionato, che attualmente collocano il Diavolo al secondo posto a +5 sul Sassuolo e a -3 dalla Juventus. L’obiettivo è la Champions, ma come detto da Rizza “Abbiamo l’obbligo di credere nello Scudetto”.

LA BESTIA (ROSSO)NERA DEL VERONA

Come se non bastasse, anche i precedenti sono nettamente dalla parte delle rossonere. In 3 incontri disputati, non c’è storia: 3 vittorie milaniste, per un parziale totale di 4-0. In particolare, i due incontri disputati in Veneto si sono conclusi per 0-1. Guarda caso, in entrambe le occasioni ha messo il tiro da 3 punti Valentina Giacinti. “El segna semper lée”. Il capitano rossonero è stata l’unica nota positiva della maledetta notte di Supercoppa, e in questa stagione è davvero incontenibile. Su 13 partite disputate dal Diavolo, è sempre scesa in campo, siglando ben 12 gol. E siamo certi che non ha nessuna intenzione di fermarsi.

SGUARDO AVANTI

Verona-Milan chiuderà il girone d’andata delle rossonere, poi ci saranno le gare di ritorno. La stagione è ancora lunga e, nonostante i tanti risultati positivi, il Diavolo deve ancora fare tanta strada. Dopo il Verona arriverà il turno di Florentia, San Marino e Bari, prima della supersfida con la Juve. Intanto però Ganz penserà a chiudere al meglio il girone d’andata. Dulcis in fundo, come si dice…

Di Giovanni Picchi

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy