news milan

BROCCHI A PM: “Grande rapporto con Sinisa. La vittoria più grande è vedere giovani protagonisti”

Cristian Brocchi, allenatore del Milan (credits: GETTY Images)

Queste le dichiarazioni di un soddisfatto Cristian Brocchi a Pianetamilan.it. Si parla della gara odierna, del rapporto con Mihajlovic e molto altro

Luca Fazzini

Queste le dichiarazioni rilasciate da mister Cristian Brocchi a Pianetamilan.it, dopo la bella vittoria dei suoi ragazzi contro il Perugia: "Tre punti importanti. Prendere gol dopo tre minuti di gioco influisce in maniera negativa sui pensieri dei ragazzi, che hanno avuto difficoltà iniziali e pensieri alla classifica, che ora non devono avere. Poi ci siamo sbloccati ribaltando la partita, in un momento di stanchezza è arrivato qualche errore, ma penso sia una vittoria meritata, conquistata con grande voglia, che farò si che i ragazzi guarderanno al futuro con grande entusiasmo".

Sull'unione dei ragazzi: "Da tempo lavorano su questo, li vedo molto più uniti e quella conoscenza che dovevano avere sta arrivando, nei ragazzi - a differenza degli adulti dove occorrono annate - basta poco. I ragazzi si aprono in maniera naturale, gli abbiamo dato uno stimolo".

Sulla visita di Mihajlovic: "Come ho già detto, il Milan è una famiglia. Ho sempre trovato grande disponibilità, sia da Sinisa che dallo staff. Le prime cose dette sono state che Milanello non è della Prima Squadra ma di tutti noi. Vedo anche io questa modalità di lavoro. Ciò identifica il fatto che abbiamo un buon rapporto e lui ha capito che tifo sia per lui che per il Milan".

Sulla scelta di lanciare i giovani: "E' una scelta condivisa da Sinisa che ha visto alcune partite, ci vede in allenamento e alcuni ragazzi li chiama lui stesso. Sicuramente abbiamo l'obiettivo di dare la possibilità a Sinisa di scegliere tra alcuni che riescono a bruciare le tappe e fare qualcosa di buono. Il nostro obiettivo è questo, ce l'abbiamo fatta con Donnarumma e Calabria, speriamo che qualcuno riesca ad andare in pianta stabile l'anno prossimo".

Su Donnrumma e Calabria: "Quando vado allo stadio, mi siedo e vedo Gigio che para o Calabria che fa su e giù per la fascia, per me è una vittoria. Ma non di Cristian Brocchi, bensì del settore giovanile. E' il frutto del lavoro che da anni facciamo a Milanello".

Su Plizzari (classe 2000): "Ha fatto una grandissima partita, oggi ha giocato in una categoria impensabile inizialmente per lui. Segno che la società è vigile su questi punti di vista e come dice Sinisa, non si guarda l'età ma la bravura. Anche io dicevo lo stesso di Donnarumma l'anno scorso. Il pensiero è condiviso da tutti noi".

Su De Santis leader: "Non faccio un discorso di età. Anche in questo si vede quanto uno può dare. Oltre alla qualità, ci sono il temperamento e il carattere quindi ognuno può prendere la strada che vuole e far vedere quanto vale. De Santis ha grande esperienza nel campionato primavera".

Potresti esserti perso