Il Milan può sorridere: Conti sta tornando su livelli ottimali

Il Milan può sorridere: Conti sta tornando su livelli ottimali

Andrea Conti è stato autore di una bella prestazione in Parma-Milan del ‘Tardini’. Vinto il duello con Davide Calabria: evitato il ricorso al calciomercato?

di Daniele Triolo, @danieletriolo

NEWS MILAN – Bella vittoria, ieri pomeriggio, al ‘Tardini‘ di Parma per il Milan che, pur avendo trovato i tre punti soltanto nel finale, all’88′, grazie ad un’intuizione (fortunosa) sotto porta del difensore-goleador, Theo Hernández, ha disputato un’ottima gara, l’ennesima della gestione del tecnico Stefano Pioli.

Dopo un avvio, in rossonero, non entusiasmante in termini di risultati per l’allenatore emiliano, adesso il calendario potrà favorire il Milan verso la rincorsa alla zona Europa League, distante poi non così tanti punti. Una delle chiavi del successo milanista in Parma-Milan è stata, senza dubbio, la ritrovata solidità della difesa.

In particolare, però, non può non essere evidenziata la prestazione di Andrea Conti, classe 1994, che contro i ducali di Roberto D’Aversa ha sfoderato un’altra, bella prestazione, sulla scia di quelle precedenti. Dopo il fallo di mano in area di rigore che, il 20 ottobre scorso, aveva avviato la prima rimonta del Lecce nel 2-2 del match di ‘San Siro‘, il torneo di Conti è andato in crescendo.

A Parma, il numero 12 rossonero ha dimostrato di attraversare un ottimo momento di forma: solido dietro, quando, in fase di impostazione, la difesa del Milan si schiera con tre elementi e tocca proprio all’originario di Lecco, in pratica, fungere da terzo centrale al fianco di Mateo Musacchio e capitan Alessio Romagnoli; propositivo in avanti, tanto che nella ripresa, spesso, ha potuto liberare gamba, corsa e passo con frequenza.

I tifosi del Milan hanno potuto quasi riammirare il Conti che, nella stagione 2016-2017, nella fila dell’Atalanta di Gian Piero Gasperini, aveva stupito la Serie A diventando uomo mercato e conquistando la Nazionale azzurra. Alle belle prestazioni offerte contro Juventus e Napoli, quindi, ha fatto seguito quella di Parma, dove Conti si è distinto, tra l’altro, per un’ottima copertura su Andreas Cornelius lanciato a rete.

Complimenti a Conti per come sta riuscendo, finalmente, ad imporsi nel Milan ed a Pioli per aver creduto, con continuità, nelle capacità del biondo laterale, fin troppo sfortunato, tra infortuni, ricadute e gare sfortunate, nella sua esperienza rossonera, iniziata ufficialmente nell’estate 2017 ma, a conti fatti, cominciata realmente quasi due anni e mezzo più tardi. Conti sembra aver vinto definitivamente il ballottaggio con l’amico e rivale Davide Calabria per il ruolo di terzino destro titolare del Milan.

Non che il numero 2, adesso, non meriti più di giocare. Anzi, tutt’altro: le gare sono tante, presto inizierà anche la Coppa Italia ed il Milan, per riprendersi, avrà bisogno dell’aiuto di tutti. Senza dubbio, però, Conti sta, gradualmente, partita dopo partita, scongiurando l’incubo del calciomercato di gennaio, dove avrebbe potuto essere sacrificato qualora non fosse riuscito ad imporsi in maglia rossonera. La scorsa estate, per stessa ammissione del suo procuratore, aveva ricevuto 6-7 offerte, da Italia ed estero, per andare a giocare titolare.

Il ragazzo, però, si era impuntato per restare al Milan e per giocarsi le sue chance a Milano. Missione compiuta, Andrea. Ora puoi soltanto prendere il volo. Il problema attuale del Diavolo, però, resta sempre l’attacco. Altra gara da buttare, infatti, per Krzysztof Piatekcontinua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter/// Instagram/// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy