Rodríguez bussa, Hernández si scalda: il Milan si anima a sinistra

Rodríguez bussa, Hernández si scalda: il Milan si anima a sinistra

Presto lo sviluppo della manovra del Milan non dipenderà solo da Jesús Suso. Ricardo Rodríguez convince in Nazionale e il francese è quasi pronto al ritorno

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANDomenica 15 settembre, alle ore 20:45, il Milan di Marco Giampaolo sarà di scena allo stadio ‘Bentegodi‘ contro l’Hellas Verona di Ivan Juric: sfida storicamente delicata per i rossoneri, alla quale, però, potrebbe prendere parte, se non proprio dal 1′, anche il terzino sinistro francese Theo Hernández, fermo dalla fine del mese di luglio per una lesione capsulo-legamentosa alla caviglia destra rimediata in occasione dell’amichevole contro il Bayern Monaco negli U.S.A..

Theo Hernández, arrivato in estate a titolo definitivo per 20 milioni di euro dal Real Madrid, è il calciatore prescelto per svolgere il ruolo di esterno sinistro titolare nella difesa a quattro del tecnico abruzzese: l’ex Atlético Madrid, Deportivo Alavés e Real Sociedad, infatti, assicura velocità, gamba e spinta sulla corsia mancina, caratteristiche molto importanti nello sviluppo del gioco di Giampaolo. Un’assenza, finora, pesata abbastanza nello scacchiere tattico rossonero.

Questo anche perché, fin qui, non aveva brillato Ricardo Rodríguez. Acquistato nell’estate 2017 dal Wolfsburg per 15 milioni di euro, il laterale elvetico è stato titolare indiscusso del ruolo in queste due stagioni, con Vincenzo Montella prima e con Gennaro Gattuso poi. Ha alternato buone prestazioni, però, ad errori madornali, non riuscendo mai a fornire la sensazione che il Milan, in quella zona di campo, fosse ‘blindato e al sicuro’.

In estate, il Milan ha avuto, per molto tempo, ben quattro terzini sinistri: oltre a Rodríguez e Hernández, infatti, c’erano anche Diego Laxalt e Ivan Strinic ed il Diavolo si è interrogato su chi fosse opportuno mandare via tra i tre già in organico. Anche Ricardo Rodríguez, per un periodo, è stato sul punto di essere ceduto. Lo cercava il Barcellona, che ha poi chiuso per Junior Firpo del Betis, lo cercavano, in Bundesliga, le solite RB Lipsia e Schalke 04, c’erano stati dei sondaggi anche in Premier League.

Dalla sua cessione, il Milan avrebbe ricavato anche una buona plusvalenza. Poi, però, con l’infortunio di Theo Hernández, le strategie sono cambiate. Il club di Via Aldo Rossi ha deciso di tenere Rodríguez e di metterlo in ballottaggio con il neo-arrivato. Le prime due presenze ufficiali in questa stagione non sono state di quelle da incorniciare: contro Udinese e Brescia, infatti, Rodríguez ha offerto due prestazioni senza infamia, certo, ma anche senza lode.

Come spesso accade, però, la pausa per le Nazionali lo ha rigenerato: quando indossa la maglia della Svizzera, Ricardo Rodríguez si trasforma ed assurge al ruolo di leader. Ottima partita nell’1-1 dei rossocrociati in Irlanda, altrettanto ha fatto in casa, contro Gibilterra, incontro in cui ha segnato anche il terzo gol nel 4-0 interno della Svizzera di Vladimir Petkovic. Se gli elvetici sono ancora in corsa per un posto ad Euro 2020, tanto lo devono, come al solito, anche a Rodríguez.

Presto, dunque, in casa Milan tutto potrebbe cambiare, forse già a partire dalla trasferta di Verona. Giampaolo potrebbe contare su Theo Hernández, il quale, però, chiaramente non sarà ancora totalmente pronto ma, sicuramente, affidarsi con più convinzione a Ricardo Rodríguez, determinato e carico a dare battaglia in rossonero per vincere il ballottaggio a sinistra con il più giovane compagno di squadra.

Hanno caratteristiche diverse, è vero, ma entrambi, sia Rodríguez sia Hernández, avranno la capacità di sviluppare gioco sulla corsia mancina, evitando, così, che lo sviluppo della manovra offensiva del Diavolo passi unicamente per i piedi fatati di Jesús Suso sul versante opposto. Maggiore imprevedibilità nel gioco rossonero, molteplici sbocchi offensivi, più varianti (cross calibrati compresi) per mettere Krzysztof Piatek nelle condizioni di tornare presto al gol. Giampaolo sorride, il suo Milan ritrova gradualmente tutti i suoi protagonisti.

Elemento che sarà molto utile a Giampaolo durante un’annata che si preannuncia dura e combattuta è Lucas Biglia: per l’approfondimento sul regista argentino, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy