Rafael Leao: curiosità, statistiche e retroscena sul centravanti del Milan

Rafael Leao: curiosità, statistiche e retroscena sul centravanti del Milan

Rafael Leao, classe 1999, è l’astro nascente del Milan. Il giovane attaccante portoghese, però, ha già un passato molto significativo alle spalle …

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANRafael Leao, classe 1999, è l’astro nascente del Milan. Il giovane attaccante portoghese, però, ha già un passato molto significativo alle spalle … Abbiamo raccolto qui per voi curiosità, statistiche e qualche retroscena sul numero 17 rossonero!

1) Rafael Leao avrebbe potuto vestire, nell’estate 2018, la maglia dell’Inter. Piero Ausilio, direttore sportivo nerazzurro, se ne innamorò a prima vista durante la partita di Youth League tra Sporting Lisbona e Juventus, match vinto per 4-1 dai lusitani anche grazie a due gol, un rigore procurato ed un assist dell’attaccante. Il Lille, però, fu più veloce a metterlo sotto contratto una volta svincolatosi dai ‘Leões‘.

2) Rafael Leao ha esordito nella Prima Squadra dello Sporting Lisbona il 12 ottobre 2017, nella coppa nazionale, segnando un gol nel 4-2 esterno sul campo dell’Oleiros. L’11 febbraio 2018 la prima partita di campionato, Sporting Lisbona-Feirense 2-0 ed il 2 marzo 2018 è arrivato anche il primo gol nella Primeira Liga portoghese contro il più quotato Porto. Numeri, insomma, da predestinato.

3) Il rapporto tra Rafael Leao e lo Sporting Lisbona è terminato nell’agosto 2018, quando il giovane centravanti, così come tanti altri compagni di squadra, ha ottenuto la rescissione unilaterale del contratto per giusta causa in quanto, un paio di mesi prima, una cinquantina di ‘tifosi’ dello Sporting si erano presentati, incappucciati ed armati di spranghe, al centro dell’allenamento dei biancoverdi aggredendo i calciatori e l’allora tecnico Jorge Jesús. Un anno dopo, agosto 2019, lo Sporting Lisbona ha chiesto al Lille un risarcimento per il costo del suo cartellino.

4) A Lille esordisce in campionato il 30 settembre 2018 in casa contro l’Olympique Marsiglia (3-0) per poi andare subito a segno nella sua presenza successiva, il 27 ottobre contro il Caen (1-0 interno). Al termine della prima ed unica stagione nella Ligue 1 francese, Rafael Leao segna 8 gol in 24 gare (con 2 assist all’attivo) e totalizza anche due presenze (85′ totali) in Coppa di Francia. Tanto basta per garantirgli il trasferimento al Milan nell’estate 2019.

5) Portoghese di Almada, ma di origini angolane: Rafael Leao è proprio come Eusébio (il quale, però, era nato in Mozambico da papà angolano), stella del Benfica dal 1960 al 1975, capace di realizzare 473 gol in 440 gare con le ‘Aquile‘ biancorosse di Lisbona. Proprio come la ‘Perla Nera‘, conosciuto anche come la ‘Pantera Nera‘, Rafael Leao indossa la maglia della Nazionale lusitana, con la quale ha già vinto, nel 2016, i Campionati Europei Under 17 ed è arrivato in finale, nel 2017, ai Campionati Europei Under 19. Una rete messa a segno contro il Sudafrica, il 31 maggio scorso, in occasione dei Mondiali Under 20 disputatisi in Polonia.

6) Non ha voluto ripeterla in occasione di Milan-Fiorentina, giorno del suo primo gol in maglia rossonera, poiché quella rete è stata inutile ai fini del risultato. Ma Rafael Leao, quando segna, mima il gesto di una telefonata. Così come fa, per esempio, Gabriel Jesús del Manchester City. Mentre l’attaccante brasiliano, però, la rivolge all’ex fidanzata, che non ha smesso di tempestarlo di telefonate una volta divenuto famoso, Rafael Leao la dedica ai genitori, per rassicurarli di come vada tutto bene qualora non siano allo stadio per assistere alle sue partite.

7) Per Rafael Leao i paragoni già si sprecano. In lui, alcuni rivedono Duván Zapata, bomber colombiano dell’Atalanta; in Francia, all’epoca del Lille, erano fioccati paragoni con Kylian Mbappé, stella del PSG. Il suo ex allenatore, Tiago Fernandes, che lo aveva cresciuto nell’Under 19 dello Sporting Lisbona, ha spiegato come “con il pallone fa cose che altri non possono neanche immaginare“. Ai tifosi del Milan, soprattutto a quelli un po’ meno giovani, ricorda, per movenze sul terreno di gioco, rapidità e potenza, nonché piedi educati, il ‘Re Leone‘, George Weah, centravanti che ha incantato ‘San Sirodal 1995 al 2000.

8) Il Milan, comunque, sembrava essere nel destino di Rafael Leao: il giovane talento portoghese, infatti, sebbene si ispiri all’idolo di casa, Cristiano Ronaldo, quando era piccolo, alla ‘PlayStation’, sceglieva sempre di giocare con i rossoneri, poiché da sempre ammiratore di Ricardo Kakà e di altri calciatori che hanno indossato, in passato, la maglia del Diavolo, come Paolo Maldini, Rui Costa, Alexandre Pato, Robinho e Ronaldinho.

9) Rafael Leao, vista la giovane età, è anche un ragazzo molto ‘social‘. Ha 288mila ‘followers‘ su ‘Instagram‘ (account ufficiale @iamrafaeleao93), social network dove pubblica, spesso e volentieri, post riferiti alla sua attività di calciatore ma non soltanto. Ed invita sempre i suoi sostenitori a seguirlo! Nelle ‘Storie‘, poi, è sempre uno dei primi calciatori del Milan, dopo ogni vittoria, a celebrare il successo.

10) Finora, con il Milan, Rafael Leao ha totalizzato 297′ sul terreno di gioco, suddivisi in 5 presenze su 7 giornate di campionato, conditi da un assist contro il Torino e dal gol, sopra citato, contro la Fiorentina.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy