cronaca live

LIVE – Atalanta-Milan, la diretta della conferenza stampa di Pioli

Stefano Bressi

-

-

Quale giocatore dell'Atalanta apprezza di più: "Il lavoro dell'allenatore è molto importante, hanno grande simbiosi. La società ha messo a disposizione giocatori adatti e tutti rendono al massimo. Ho avuto Muriel a Firenze, mi piace tantissimo, è elegante e bellissimo. Ho avuto Ilicic a Palermo ed è fortissimo. Sono tutti quasi al top".

-

Su Kessie in guardia su Gomez: "Franck ha caratteristiche fisiche che altri non hanno. Domani servirà, se non siamo forti e con le gambe ben piantate, ci buttano per terra. Dobbiamo rispondere uguale. Gomez non credo sia nella zona di Kessie. Gioca più punta o trequartista, sta in altre zone. Ma l'Atalanta manda in gol tanti giocatori".

-

Su Bennacer possibile mezzala: "In questo momento penso che la sua posizione sia regista, sta facendo bene, ma penso possa crescere ancora di più. In quel ruolo devi vedere prima sia in difesa che in costruzione. Ha grandi motivazione e stiamo lavorando. Mi aspetto una crescita importante, ha le qualità".

-

Sui possibili partenti: "Questa è una domanda che mi piace e a cui rispondo volentieri. Il mercato durerà troppo. Nessun giocatore si deve permettere di pensare al mercato. Se vedo qualcuno distratto, non sarà convocato".

-

Su come sostituire Theo: "Quando penso agli equilibri della squadra penso a equilibri che possano completarsi. Non abbiamo un altro terzino che ha la forza e gli inserimenti di Theo, ma magari lo troviamo in altre zone del campo".

-

Su Rodriguez e cosa vuole sotto l'albero: "Voglio trovare tre punti domani. Ricardo sta bene, gran professionista, si è sempre allenato bene, buon giocatore"

-

Su Suso fischiato e Castillejo: "Castillejo ha possibilità dall'inizio, come tutti. Suso sta bene. Chiaro non possa far piacere essere fischiato. Caraterialmente dovrà dimostrare di poter reggere e tornare a fare la differenza come può. In allenamento l'ho visto bene sotto tutti i punti di vista, anche mentalmente".

-

Sulle difficoltà con le grandi: "23 punti su 87 sono un argomento chiave. È dove dobbiamo migliorare. Non sono mai mancate le prestazioni, giocando alla pari con squadre che possono vincere lo Scudetto, ma non siamo ancora riusciti a vincere. È difficile capire perchè. Per forza se continui a fare quello che hai fatto finora otterrai sempre la stessa cosa. Evidentemente dobbiamo fare di più. Domani possiamo dimostrare che siamo cresciuti e possiamo vincere".

-

Sui tifosi: "Il momento è delicato, ma i tifosi non ci hanno mai fatto mancare nè sostegno, nè supporto. Sono sempre tanti, sia in casa che in trasferta. Più siamo uniti e sentiamo postività e fiducia e più possono dare".

-

Se è l'ultima chance domani per la Champions: "Ogni sabato lo dite. Mancano tante partite, ma hanno comunque molto peso. Si parla di fiducia, di convinzione, morale. Ma non è domani la partita decisiva. Però è molto importante, come sarà con Sampdoria e tutte quelle dopo. Dobbiamo affrontarle con la mentalità di chi sa giocare a calcio. Voglio che i miei giocatori giochino con la mentalità che possa essere l'ultima che giocano. Che diano tutto".

-

Su Piatek: "Mi auguro che il Milan faccia bene e vinca, ma ogni partita fa storia a sè. Dobbiamo guardare avanti, tutti devono pensare di poter essere decisivi. Lui sta bene, ha avuto problemi all'inizio, ma ora sta bene. Lui e Leao hanno caratteristiche diverse. Se ho bisogno di un centravanti di posizione scelgo Piatek, se mi serve uno di movimento scelgo Leao. Stiamo bene di gambe e di testa tutti, ma dobbiamo insistere. Anche perchè veniamo da una partita che dovevamo vincere e non siamo riusciti a vincere. Voglio vedere determinazione".

-

Su Leao: "La formazione di domani l'ho già decisa, ma la dirò ai giocatori domani. È entrato bene col Sassuolo. A inizio partita non credo che cambierò qualcosa, ma in corso si può cambiare qualcosa"

-

Se meglio non guardare la classifica: "Al momento è vietato parlare di tutto tranne che della partita di domani. Dobbiamo concentrarci solo su questo. La classifica vera sarà a fine maggio, questa è parziale. Di certo sappiamo che non siamo soddisfatti, dobbiamo continuare a credere in noi stessi, a perseverare, convinti di quello che facciamo. Abbiamo ampi margini di miglioramento. Dobbiamo interpretare la partita di domani con forza e qualità, come le ultime".

-

Sul modello Atalanta: "Noi siamo il Milan, dobbiamo puntare a tornare a vincere in Europa. Ora dobbiamo vivere la nostra realtà, che vede una classifica non da Milan".

-

Sul duello con Gasperini: "Sono anni che ci incontriamo. È sempre stato ostico da superare. La sua fase difensiva è quasi unica nel mondo. Negli ultimi anni è migliorato molto anche in fase offensiva. Ovviamente con giocatori di qualità, senza è difficile. Abbiamo sempre giocato a viso aperto. Deve essere la nostra mentalità anche domani, sapendo che ci saranno situazioni in cui stringere i denti, ma con le qualità per metterli in difficoltà".

-

Sull'identità di squadra: "La nostra idea di gioco ora è chiara. Non può essere quella definitiva e migliore ancora, ma per arrivare al massimo c'è tanto da fare, come dimostra l'Atalanta che lavora da anni. Ma ora abbiamo un'identità. Cerchiamo di contrapporci con qualità e con l'idea di far la partita, anche se domani sarà difficile. Abbiamo qualità e dobbiamo avere l'intensità giusta per reggere l'urto".

-

Sull'importanza della partita: "Non esistono le vacanze in questo momento. Le partite sono importantissime e non possiamo avere altri pensieri se non quello di prepare al meglio la partita. Non ci devono essere pensieri. Siamo in un momento delicato per la classifica, anche se positivo per i risultati, sono tre consecutivi positivi. Abbiamo bisogno di punti e giochiamo contro un avversario forte, con il miglior attacco del campionato".

-

È quasi tutto pronto, ora, per la conferenza di mister Pioli dalla sala stampa del 'Milanello Sports Center' di Carnago (VA): è la vigilia di un Atalanta-Milan importantissimo per la classifica dei rossoneri!

-

Amici di 'PianetaMilan.it', benvenuti al 'Milanello Sports Center' di Carnago (VA), dove tra poco, alle ore 14:00, il tecnico rossonero Stefano Pioli introdurrà i temi principali di Atalanta-Milan, gara in programma domani alle ore 12:30 a Bergamo, in conferenza stampa! Per le dichiarazioni in diretta di mister Pioli, restate con noi!

Potresti esserti perso