PM – Giampaolo a rischio esonero. Maldini e Boban valutano il cambio-panchina

PM – Giampaolo a rischio esonero. Maldini e Boban valutano il cambio-panchina

Marco Giampaolo non allontana le voci su un suo possibile esonero dalla panchina del Milan. Maldini e Boban stanno valutando la situazione

di Renato Panno, @PannoRenato

CALCIOMERCATO MILAN – La situazione di Marco Giampaolo sulla panchina del Milan, considerando i magri risultati arrivati nelle prime partite, non poteva essere di certo serena, ma era difficile immaginare un tale scenario dopo la vittoria contro il Genoa. Solitamente le vittorie aiutano a rasserenare l’ambiente, a far sì che si possano trovare le giuste contromisure senza che ci sia il fardello della sconfitta sempre dietro l’angolo. E invece no, almeno non stavolta. Perché Zvonimir Boban e Paolo Maldini stanno valutando concretamente l’ipotesi dell’esonero di Marco Giampaolo.

Il tecnico ex Sampdoria era stato preso perché portatore di una sola mission: quella di vincere le partite attraverso il gioco, il vecchio vincere e convincere di berlusconiana memoria. Ma finora si è visto troppo poco per continuare a dare fiducia incondizionata ad un Giampaolo reo di alcune scelte non proprio ortodosse. La panchina di Rafael Leao e Lucas Paquetà è sembrata una mossa a dir poco azzardata se si considera che, proprio grazie a questi due giocatori, il Milan è riuscito a recuperare quella che sembrava l’ennesima partita maledetta.

Soprattutto Boban sembra deluso da tutto questo, dopo che ci ha messo la faccia in estate per lui. Una situazione scomoda che verrà sbrogliata nelle prossime ore, quando si verrà a scoprire quale sarà la scelta definitiva della società nei confronti di un Marco Giampaolo sempre più appeso ad un filo. Intanto ecco la gioia di Theo Hernandez dopo la partita vinta contro il Genoa, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy