news milan

Ibrahimovic: addio al PSG. Tutti gli scenari, il Milan c’è

Zlatan Ibrahimovic, bomber del PSG (credits: GETTY Images)

Le parole di ieri di Zlatan Ibrahimovic aprono la caccia a uno dei giocatori più decisivi degli ultimi 15 anni. Il Milan è ancora in corsa per lo svedese

Edoardo Lavezzari

Ieri il PSG è diventato campione di Francia per la sesta volta nella sua storia e lo ha fatto con 8 giornate di anticipo sulla fine del campionato. Un trionfo, senza mezzi termini. Un'impresa che porta marchiato a fuoco il nome di Zlatan Ibrahimovic. L'attaccante svedese ieri ha segnato quattro gol ed è salito a quota 27 in campionato (35 gol in stagione considerando le coppe). Lo sceicco Nasser Al-Khelaifi, nel post partita, si è speso in prima persona per convincerlo a rinnovare il contratto con il PSG, ma Zlatan, di fatto, ha risposto picche: "Sono felice. Con i tifosi ho sempre avuto un buon rapporto e il club si è preso cura di me. Al momento, la prossima stagione non sarò al PSG. Mi resta un mese e mezzo qui: mi sto divertendo, ma non so quello che succederà l'anno prossimo. Ma al momento, non sarò qui. Qui mi vogliono bene? Certo, ma non credo che possano rimpiazzare la Tour Eiffel con una mia statua... Nemmeno i dirigenti ce la possono fare. Ma se ce la facessero rimarrei qui, promesso”.

Parole chiarissime, che aprono scenari imprevedibili. Qualche giorno fa vi abbiamo raccontato delle voci inglesi, secondo cui sarebbe ormai corsa a due per l'attaccante svedese: da una parte il Manchester United, dall'altra il Milan, con la MLS sempre sullo sfondo. Le cose, però sembrano essere più complicate così, almeno secondo SportMediaset. L'ex rossonero infatti ci sarebbe anche il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, che dovrà probabilmente sostituire Robert Lewandowski, destinato al Real Madrid. Anche il Bayern offrirebbe al giocatore possibilità concrete di vincere la Champions League e oltre alla Premier, Ibra non è mai stato nemmeno in Bundesliga. Attenzione anche all'Inter, la moglie di Ibra sogna il ritorno a Milano, ma anche i nerazzurri e Mancini potrebbero essere una pista concreta, anche se per ora molto fredda.

Veniamo infine al Milan. I rossoneri non possono mettere sul piatto uno stipendio "monstre" (anche se sono pronti a fare un'offerta decisamente interessante allo svedese visto che la scorsa estate si parlava di un triennale da 7 milioni di euro netti a stagione) e probabilmente nemmeno la partecipazione alla prossima Champions League. Per questo i rossoneri sperano che il PSG diventi campione d'Europa quest'anno. Eliminato il fantasma Champions, unico trofeo che manca nella bacheca dello svedese, Ibra potrebbe anche tornare nella squadra che lo ha amato (e che lui ha amato) per provare a rifarla grande.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso