Dalla Francia – Milan, Ismael Bennacer è un “fenomeno”

Dalla Francia – Milan, Ismael Bennacer è un “fenomeno”

Ismael Bennacer, stasera in campo con l’Algeria nella finale della Coppa d’Africa contro il Senegal, descritto come un gran giocatore ed ottimo lavoratore

di Daniele Triolo, @danieletriolo

CALCIOMERCATO MILAN – Questa sera, alle ore 21:00, allo stadio internazionale de Il Cairo, in Egitto, andrà in scena la finale della Coppa d’Africa 2019, tra Algeria e Senegal. Punto di forza, in mezzo al campo, della nazionale algerina sarà, come è stato per tutta la durata della competizione, Ismael Bennacer, classe 1997, il quale, al termine della manifestazione, volerà in Italia per siglare il suo nuovo contratto con il Milan.

Come noto, infatti, tutto fatto tra Empoli, attuale proprietaria del suo cartellino, e Milan per il trasferimento di Bennacer, in possesso anche del passaporto francese, alla corte di Marco Giampaolo per 18 milioni di euro bonus inclusi. A ‘benedire’, in un certo senso, l’investimento operato dal club di Via Aldo Rossi sul giovane centrocampista, questa mattina, è giunta anche ‘L’Equipe‘, che, in un articolo a lui dedicato, ha descritto Bennacer come “un fenomeno“.

Nell’approfondimento, è stata ripercorsa la carriera di Bennacer, anche attraverso le parole di chi lo ha scoperto, lanciato e considerato sin dai suoi primi passi. Per esempio, in quelle di Viktor Zvunka, suo allenatore all’Arles-Avignon, in Ligue 2, nel 2014, il quale, dopo averlo chiamato per una partita di allenamento organizzata per conoscere meglio l’organico a sua disposizione, si accorse di quel ragazzo all’epoca appena 17enne …

“Ha segnato e poi ha giocato nella Coppa di Francia contro la Red Star (1-2) e ha segnato ancora. Ciò che mi ha colpito è stata la sua capacità di integrarsi così rapidamente essendo direttamente uno dei migliori”. Omar Belbey, ex centrocampista del Nimes, si era quindi avvicinato alla sua famiglia, facendole presente come Bennacer sarebbe potuto diventare, ben presto, un ottimo elemento per le sue enormi qualità in mezzo al campo, rivelando, al contempo, come Bennacer svolse una settimana in prova alla Lazio. Evidentemente, non andata bene.

Quindi, ‘L’Equipe‘ ha sentito Gilles Grimandi, francese, ex difensore di Monaco ed Arsenal, oggi direttore sportivo del Nizza ma, all’epoca, scopritore di talenti per i ‘Gunners‘. Dopo una settimana di prova a Londra, infatti, Grimandi, che si era calcisticamente innamorato di Bennacer, gli fece firmare il contratto. “Mi piace. Non ho mai visto un ragazzo lavorare come lui. Ho visto ragazzi spingere in allenamento al mattino e il pomeriggio andare a riposare un po ‘. Lui, mai. Era un piccolo pazzo, un vero pitbull. Era anche il capitano della squadra riserve, ma l’Arsenal non poteva dargli la certezza di giocare (solo un match da professionista, n.d.r.) ed è quello che lui voleva …”.

Dopo un prestito al Tours, nella Ligue 2 francese, Bennacer si è imposto in Toscana, con la maglia dell’Empoli e, da qui, ha attirato l’interesse del Diavolo, che lo prenderà nonostante anche l’Olympique Lione avesse spinto, quest’estate, per metterlo sotto contratto. “È un ragazzo eccezionale, un esempio. Non ha mai perso una sessione di allenamento – ha aggiunto Grimandi -. Non ha paura di nulla. A volte chiudevo gli occhi perché avevo paura quando prendeva certi colpi …”.

Infine, parola a Djamel Belmadi, Commissario Tecnico dell’Algeria, che di lui ha detto: “L’ho schierato sempre titolare in Coppa d’Africa? Significa che ha la capacità”. Insomma, un gran colpo per il Milan di Giampaolo, che, intanto, tratta anche Ángel Correa dell’Atlético Madrid: per le ultime, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy