Calciomercato Milan, i tormentoni: che fine ha fatto Franco Vazquez?

La telenovela Franco Vazquez, storia di un acquisto mancato. Il mercato è fatto di news e retroscena, ma alcune trattative falliscono. Per fortuna, verrebbe da dire. Ecco perché..

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb
Milan, il tormentone Vazquez. Che fine ha fatto?

CALCIOMERCATO MILAN REWIND –  Ricordate il tormentone Vazquez? Una valanga di news e notizie, retroscena e indiscrezioni su una trattativa fiume, poi non andata a buon fine: il giocatore non vestirà mai il rossonero. Per fortuna, verrebbe da dire, dando uno sguardo al prosieguo della sua carriera. ‘Pericolo scampato’, verrebbe da dire. Ma col senno di poi è facile etichettare questo o quel giocatore sotto la categoria Bidoni e Meteore, la parte complicata è prima: riconoscerlo per tempo. Ripercorreremo quella telenovela e cercheremo di rispondere a una domanda semplice e scontata: che fine ha fatto Vazquez? Cosa fa ora?

Nell’estate del 2016 il mercato del Milan è ostacolato dalla complicata vicenda della cessione societaria, che obbliga Galliani a concordare ogni operazione con il manager Nicholas Gancikoff, rappresentante della cordata cinese. Sulla lista del dirigente rossonero figura però da tempo il nome di Franco Vazquez, il trequartista italo-argentino del Palermo, considerato come l’uomo giusto per infondere qualità alla rosa rossonera.

La stima che il Milan nutre nei confronti del “Mudo” parte da lontano, già dal dicembre 2015, quando il club rossonero muove i primi decisi passi per avvicinare il calciatore. Come confermato direttamente dal presidente Berlusconi, il Milan apprezza decisamente le qualità del ragazzo e si candida prepotentemente per acquistarlo in vista del mercato estivo. Il corteggiamento prosegue serrato nel corso dell’inverno e viene sublimato dalla chiara apertura di Galliani, che in occasione di Palermo-Milan rilascia le seguenti dichiarazioni: «Arriverà a giugno? Vedremo…». Le parole dell’ad rossonero sanno di reticenza e nascondono un’intesa di massima già raggiunta tra le parti. Zamparini è infatti felice di cedere il calciatore ai rossoneri e lo stesso Vazquez accoglie con entusiasmo la possibilità di trasferirsi al Milan.

L’accordo viene trovato sulla base di 25 milioni di euro, che il Milan conta di incassare con la qualificazione alle coppe europee e la cessione di qualche esubero. I piani di Galliani si scontrano però con la dura realtà. La formazione rossonera fallisce infatti l’assalto all’Europa League – complice il disastroso finale di stagione sotto la gestione Brocchi – e sul mercato fa i conti con le solite difficoltà nel piazzare gli esuberi. Il complicato momento societario rende ancor più impensabile un investimento di tale portata su Vazquez e così il Palermo cede di fronte alla ricca offerta del Siviglia, malgrado il pre-accordo siglato con i rossoneri.

L’esordio con il club spagnolo avviene in occasione della Supercoppa Europea con il Real Madrid, nella quale “El Mudo” lascia subito il segno con un bel gol. In generale tutta la prima stagione si sviluppa in maniera positiva, mentre al secondo anno un brutto infortunio al ginocchio gli toglie spazio e fiducia, parzialmente ritrovati con l’avvento di Montella sulla panchina degli andalusi. Nel 2018 Vazquez conquista la sua prima convocazione con l’Argentina, mentre con il club si mette in luce soprattutto in Europa League. La classe resta immutata, ma il rendimento soffre di continui alti e bassi che non gli permettono di compiere quel salto di qualità che ai tempi del Palermo sembrava essere nelle sue corde. Più volte accostato ai club italiani, il Torino in particolare, oggi Vazquez porta avanti la sua avventura al Siviglia con il solito trend, senza suscitare particolari rimpianti al Milan, club solo sfiorato e mai sposato dal nostalgico trequartista argentino.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy