Milan, ci rimette sempre Cutrone

Milan, ci rimette sempre Cutrone

L’arrivo di Krzysztof Piatek ha frenato l’ascesa di Patrick Cutrone nell’undici titolare del Milan. Ma lui ha numeri e qualità per (ri)emergere

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Il ‘Corriere dello Sport‘ oggi in edicola ha dedicato un approfondimento a Patrick Cutrone, classe 1998, che, ormai è assodato, fatica a trovare spazio nell’undici titolare del Milan di Gennaro Gattuso. Se, nel passato campionato, aveva battuto la concorrenza di Nikola Kalinic ed Andre Silva in maniera piuttosto agevole, in quello in corso Cutrone ha dovuto prima sgomitare con Gonzalo Higuain e poi si è visto scavalcare, nettamente, nelle gerarchie dal ‘PistoleroKrzysztof Piatek.

I numeri del polacco, 10 gol in 13 gare in rossonero, hanno conseguentemente frenato l’ascesa di Cutrone, il quale ha avuto finalmente l’opportunità di tornare in campo, da titolare, nell’1-1 di ‘San Siro‘ contro l’Udinese, proprio in coppia con Piatek. La coppia è sembrata funzionare, al di là del risultato del Diavolo al cospetto dei friulani. Assist del numero 63 comasco, rete dell’ex centravanti del Genoa.

A Torino, contro la Juventus, l’esperimento non è stato ripetuto: quando gioca con un unico attaccante centrale nel 4-3-3, chi ci rimette è sempre Cutrone. I numeri del ragazzo, però, sono inequivocabili e, senza dubbio, Cutrone ha tutte le qualità per (ri)emergere dall’anonimato: 9 gol stagionali, finora, di cui 2 in Coppa Italia (gli ultimi due centri in assoluto, datati 12 gennaio 2019 a Genova contro la Sampdoria), 4 in Europa League e 3 nel campionato di Serie A, dove è a secco, però, dal 2 dicembre 2018 (Milan-Parma 2-1 a ‘San Siro‘).

Alla fine, questi gol, a cui vanno aggiunti i 18 della stagione 2017-2018, ‘spalmati’ su 83 presenze totali in rossonero (di cui solo 47 da titolare), arrivano uno ogni 162′. Non male, per un attaccante alle prime armi. Cutrone gode, al Milan, della piena fiducia dello staff tecnico, dell’allenatore Gattuso e dei suoi compagni di squadra: forte di un contratto fino al 30 giugno 2023, resterà nella squadra che lo ha lanciato e cresciuto anche nella prossima stagione. Con la speranza, certo, di vedere il campo un po’ più spesso. In coppia con Piatek o in solitaria. Intanto, arrivano brutte notizie dal Milan sul fronte UEFA: continua a leggere >>>

MILAN-LAZIO IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

HAI BISOGNO DI ULTERIORI INFORMAZIONI? VAI QUI

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy