Pagni: “Milan, la UEFA apre un processo sull’anno cinese”

Pagni: “Milan, la UEFA apre un processo sull’anno cinese”

Luca Pagni, giornalista di Repubblica, ha pubblicato, sul proprio blog personale, il suo punto di vista sul nuovo deferimento del Milan alla UEFA per il FFP

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILAN – Luca Pagni, giornalista di ‘Repubblica‘, ha pubblicato, sul proprio blog personale, il suo punto di vista sul nuovo deferimento del Milan alla UEFA per il mancato rispetto del Fair Play Finanziario dal 2015 al 2018 (clicca qui per il comunicato ufficiale). Ecco quanto ha scritto il collega Pagni:

“Lanterne rosse al Milan. La UEFA vuole vederci chiaro sul bilancio 2017-18 del club rossonero, di fatto la stagione che cade sotto la responsabilità del misterioso imprenditore cinese Yonghong Li. Un bilancio chiuso con un passivo di 126 milioni, in aumento di 53 milioni rispetto alla stagione recedente. Su questi numeri, la UEFA ha deciso di deferire il Milan alla Camera arbitrale per violazione delle regole del Fair Play Finanziario.

Cosa significa e a cosa potrebbe portare? Ci saranno altre multe o limitazioni? Per rispondere a queste domande bisogna partire dalla nota UEFA.

“La Camera di Investigazione dell’Organo Uefa di Controllo Finanziario dei Club (CFCB) ha comunicato la decisione di deferire il caso AC Milan alla Camera Arbitrale poiché il club non è riuscito a rispettare il requisito di pareggio di bilancio nel corrente periodo di osservazione determinato nella stagione 2018/19 e riguardante gli esercizi conclusisi nel 2016, 2017 e 2018”, è scritto in un comunicato diffuso dall’Uefa. L’Uefa “non rilascerà altri commenti al riguardo fino a una decisione da parte della Camera Arbitrale”. “Il deferimento non riguarda la decisione presa dalla Camera Arbitrale a dicembre 2018 – conclude la nota -, relativa al periodo di osservazione precedente e inerente agli esercizi conclusasi nel 2015, 2016 e 2017. Detta decisione è attualmente oggetto di appello al Tas”.

A una prima lettura, ma il Bollettino cercherà di essere più specifico in seguito, questo significa:

1La decisione era attesa. La precedenze sanzione poi corretta dal TAS di Losanna, riguardava gli esercizi 2015, 2016, 2017. Mancava ancora l’esame della stagione chiusa a giugno 2018;

2 – Il nuovo procedimento riguarda le responsabilità della stagione della proprietà cinese che ha sforato i paletti della UEFA, soprattutto a causa della mancata qualificazione in Champions League e per il fallimentare piano industriale per lo sviluppo dei ricavi;

3 – Secondo alcuni, l’apertura di un procedimento potrebbe esser l’espediente formale per aprire una trattativa ufficiale, così come richiesto dal Milan, per avere più tempo per arrivare al pareggio di bilancio. Invocando il fatto che ora il Milan è in mano a una nuova proprietà che vuole investire ma che ha bisogno di tempo per arrivare ai risultati richiesti;

4 – Se così non fosse, Elliott è disponibile ad avviare una guerra legale fino a mettere in discussione l’intero impianto del Fair Play Finanziario, visto che viene di fatto impedita la possibilità di avere alcuni anni in rosso anche “pesante” per favorire investimenti che nel medio periodo possono poi generare utili. Una guerra legale che può arrivare fino alle massime autorità dell’Unione Europea“. Intanto, ecco quanto trapela, da ‘Casa Milan‘, sulla vicenda: continua a leggere >>>

MILAN-LAZIO IN ESCLUSIVA SU DAZN. PER VEDERLA GRATIS, CLICCA QUI!

HAI BISOGNO DI ULTERIORI INFORMAZIONI? VAI QUI

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy