Leonardo: “Bakayoko ha tante qualità. Ma il Milan non si tocca”

Leonardo: “Bakayoko ha tante qualità. Ma il Milan non si tocca”

Leonardo, direttore generale dell’area tecnico-sportiva del Milan, ha parlato del caso Tiemoue Bakayoko: queste le sue dichiarazioni

di Daniele Triolo, @danieletriolo

ULTIME MILANLeonardo, direttore generale dell’area tecnico-sportiva del Milan, ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport‘ al termine del match vinto per 2-1 sul Bologna. Queste le dichiarazioni di Leonardo:

Sulla partita: “Dobbiamo pensare partita dopo partita, da quando siamo arrivati la rosa aveva 34 giocatori, dieci sono andati e cinque sono arrivati con un saldo di zero euro quasi. La squadra è partita all’improvviso. Essere quinti oggi è quasi positivo, anche se non possiamo negare che ci sono stati risultati non buoni dopo il derby che hanno lasciato segnali importanti. La squadra è stanca ma ha dimostrato una forza che pensa di non avere ma che ha. Ignazio Abate e Cristian Zapata hanno dato l’anima, José Mauri è stato buttato dentro e ha risposto. Abbiamo subito un gol, un’espulsione ma comunque abbiamo vinto”

Sugli episodi negativi e su Tiemoue Bakayoko: “Parliamo poco come società, crediamo che non possiamo sempre intervenire e fare i giudici. Tante cose sono successe ma tante cose sono state risolte internamente. Tutti i provvedimenti fatti, pubblici o meno, devono essere fatti ma la società non deve fare processi pubblici. Non vogliamo mostrare di essere bravi a prendere provvedimenti. Noi agiamo secondo quelli che crediamo essere i nostri valori. Questo gruppo è nuovo, a parte pochi come Zapata e Abate, chi è da più tempo al Milan è arrivato due anni fa. È una squadra in costruzione, è normale che si una stagione di fatica”

Su Gennaro Gattuso: “Siamo sempre stati chiari con Rino, in questi momenti la fatica arriva per tutti. Quello che ha vissuto Rino, il cambio di società, non è semplice. Li ha vissuti come penso fosse giusto. Non ci aspettavamo una stagione tranquilla. Ivan Gazidis è importante perché ci dà serenità nelle decisioni ma è arrivato a novembre. La squadra ha avuto anche momenti molto positivi, ha fatto molti punti da gennaio a marzo ma poi la fatica arriva. Franck Kessie, Lucas Biglia, Bakayoko sanno quello che vogliamo e questo piano piano crea una linea societaria. Noi agiremo senza farlo pubblicamente”

Ancora su Bakayoko: “Non vogliamo fare un processo pubblico. La società può anche sbagliare. Ha tante cose positive lui come ragazzo ma se sbaglia paga. Sono situazioni chiarite, sanno quello che pensiamo perché il Milan non può essere toccato. Noi come uomini passiamo ma il Milan resta, va protetto come società perché ci sarà sempre. Quello che vorrei chiarire è che noi non è che non vediamo o capiamo, siamo attenti a quello che dobbiamo fare”

Sulle cessioni in caso di mancata qualificazione in Champions League: “Dobbiamo ancora saperlo. Gazidis conosce bene gli equilibri. È vero che siamo in una situazione non semplice, dobbiamo rispettare dei parametri in poco tempo. Dovremmo parlarne ma non ci sarà una smobilitazione ma sicuramente non ci saranno grandi investimenti. La situazione del Milan era sconosciuta, sia per il futuro. Abbiamo fatto investimenti come Krzysztof Piatek e Lucas Paqueta, dei giovani, questa sarà la linea del futuro. Questo è stato studiato ma oggi non ci sono risposte. Per una società che arriva è importante capire cosa fare ma sicuramente in estate non ci saranno grandi investimenti”. Per le dichiarazioni di Gattuso a fine match, continua a leggere >>>

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy