Milan, ecco il jolly Mati Fernández: come cambia il centrocampo rossonero

Milan, ecco il jolly Mati Fernández: come cambia il centrocampo rossonero

L’acquisto di Mati Fernández permetterà a Vincenzo Montella, suo grande estimatore, di poterlo utilizzare in molte posizioni: innesto utile e di qualità

di Salvatore Cantone, @sa_cantone

Mati Fernández è stato l’ultimo acquisto della sessione estiva del calciomercato da parte del Milan, che ha strappato nelle ultime ore disponibili il giocatore al Cagliari, società che aveva già trovato un accordo con la Fiorentina. I tifosi e la critica non hanno accolto bene questo ultimo “colpo”, visto che si è andati sul giocatore soprattutto per una questione economica, e non per un progetto di crescita tecnica della squadra.

In realtà, se andiamo più nel dettaglio, possiamo vedere come l’ex viola possa rilevarsi molto utile in questa stagione, e come possa consentire a Vincenzo Montella di schierarlo in più zone del campo. L’allenatore campano ha allenato il cileno a Firenze e conosce bene le sue caratteristiche, tanto è vero che è stato lui ad esporsi in prima persona per portarlo al Milan. Come cambierà il centrocampo del Milan, in seguito a questo acquisto? Una delle caratteristiche principali del giocatore è proprio la sua duttilità: può essere schierato come interno di centrocampo, esterno offensivo in un 4-3-3 o trequartista in un eventuale 4-3-1-2.

Come ipotesi più probabile, l’ex Colo-Colo potrebbe essere schierato come mezz’ala destra, affiancando Riccardo Montolivo e Giacomo ‘Jack’ Bonaventura. Due giocatori come Mati e Jack in mediana possono dare più fantasia ed estro alla manovra milanista, troppo spesso bloccata per mancanza di qualità. Può essere schierato anche a sinistra, nel caso in cui Bonaventura dovesse rifiatare, giocare come esterno di sinistra, oppure, come detto in precedenza, come trequartista in un 4-3-1-2, quando Montella deciderà di occupare maggiormente l’area di rigore, e di conseguenza affiancare una punta vicino a Carlos Bacca.

Un altro aspetto da considerare, è che Fernández ha un’ottima esperienza internazionale, avendo disputato ben 171 presenze in Nazionale e avendo vinto la Copa América nella scorsa estate in Cile. Il giocatore è sempre stato molto stimato in patria, ed è sempre stato uno dei punti fermi della ‘Roja’. Un’altra qualità da segnalare è la sua bravura nel calci da fermo: in un Milan che ha pochi specialisti in questo fondamentale, il sudamericano può essere un’alternativa importante, in grado di sbloccare le partite con qualche sua punizione.

L’incognita maggiore è dovuta principalmente alla condizione fisica, avendo saltato parecchie gare per infortunio nelle ultime stagioni. Bisogna gestirlo nella maniera giusta, in maniera tale da farlo esprimere al meglio nelle gare in cui verrà impiegato. Al netto di tutti di questi fattori, Montella è sicuramente contento, di avere a disposizione un giocatore di qualità, esperienza e duttilità tattica, che potrà, se inserito nel contesto giusto, alzare il tasso tecnico del Milan a centrocampo, uno dei reparti più bistrattati degli ultimi anni.

TI POSSONO INTERESSARE ANCHE:

Verso Bournemouth-Milan: Suso a centrocampo, esordio per Vangioni

Profiling – Mati Fernández, piedi buoni e cervello fino per Montella

Inter, Thohir chiude a Cáceres: si riapre la pista Milan?

Ag. Badelj: “Non rinnova con la Fiorentina. Offerte? Non soltanto dal Milan”

Balotelli, stoccata al Milan: “A parte Galliani, per il resto lasciate stare…”

SEGUICI:

Su Facebook

Su Twitter

Su Google Plus

Su Telegram

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy