news milan

Un Milan operaio ritrova i suoi simboli

Keisuke Honda, centrocampista offensivo del Milan (credits: GETTY images)

La Gazzetta Sportiva racconta di un Milan che, lottando e sudando, sta ritrovando la giusta via, quella per conquistare un posto in Champions. A Brillare, su tutti, è Honda

Redazione

In edicola questa mattina, la Gazzetta Sportiva, analizza la vittoria del Milan. Un Milan che ha fatto pace con i suoi tifosi che, ieri, hanno manifestato la loro approvazione anche attraverso uno striscione. Ma questa, secondo la rosea, non è certo una squadra spettacolare, come vorrebbe Silvio Berlusconi. Per ora il presidente deve "accontentarsi" di un gruppo che lotta e suda fino alla fine sognando di arrivare in Champions. Dopo il successo con il Torino, lo score parla di nove risultati utili consecutivi conquistati segnando in ogni partita, con 18 punti nel girone di ritorno e un +8 di differenziale rispetto all'andata.

Ma chi sono i simboli di questo Milan? Sicuramente Kucka e Honda che con i loro chilometri percorsi in avanti e all'indietro stanno facendo la differenza. Proprio il giapponese brilla su tutti (Leggi qui le sue dichiarazioni post partita)lui fa quello che gli viene chiesto, lo fa bene e ha i piedi per stampare punizioni sulla traversa o fare cross pericolosi. Mihajlovic ha ritrovato però anche un altro giocatore, Zapata: messo dentro per necessità, gioca una partita alla grande annullando l'attaccante più forte del campionato (Higuain), l'allenatore lo conferma e lui regala un'altra prova senza pecche. Sinisa ha puntato su un gruppo fisso di titolari, ma a volte ottiene il massimo anche da chi è rimasto a lungo a guardare. Del resto tra questi c'era anche Honda.

tutte le notizie di

Potresti esserti perso