Gattuso a Sky: “Bisogna continuare e non mollare di una virgola”

Al termine della gara vinta 3-1 contro l’Atalanta Rino Gattuso ha parlato ai microfoni di Sky Sport: ecco le sue dichiarazioni

di Alessio Roccio, @Roccio92

Al termine della gara vinta 3-1 contro l’Atalanta Rino Gattuso ha parlato ai microfoni di Sky Sport.

Sul momento: “Ci riposiamo due giorni poi pensiamo all’Empoli. Gli attaccanti esterni fanno un grande lavoro, stiamo attraversando un buon momento fisico, c’è voglia, veemenza, dobbiamo continuare su questa strada”.

Sul Milan: “Stanno bene insieme, quando proponiamo qualcosa c’è grandissimo entusiasmo, c’è grande voglia di allenarsi, non dobbiamo perdere tutto questo. E’ un Milan che ha grande qualità, ma tutti si mettono a disposizione. Questo mi fa grande piacere, ci sono ancora 45 punti a disposizione e il percorso è molto lungo”.

Su Piatek e Paquetà: “Devono essere contenti di quello che stanno facendo ma devono pensare da squadra, se stanno facendo quello che stanno facendo è anche merito dei loro compagni, tutta la squadra funziona bene, bisogna continuare così e non mollare di una virgola”.

Sul pareggio di Piatek: “Siamo stati fortunati a fare gol a venti secondi dalla fine, è stato difficile fare gol a questa Atalanta. Piatek è un giocatore che vive per il gol ma sta facendo bene i movimenti, sta giocando bene tecnicamente. Da 7/8 mesi ha abituato tutti a questi gol, siamo contenti di averlo con noi”.

Sull’evoluzione della squadra: “Tutto gira attorno alla voglia, al sacrificio, la squadra fa la fase difensiva in maniera ordinata, è difficile passare se non si fa una grande giocata. I due nuovi arrivi ci hanno dato freschezza e qualità, Calhanoglu da due partite ci sta dando qualcosa di importante dal lato tecnico al di là del gol. Il cambiamento sta tutto su questo aspetto qua”.

Su Calhanoglu: “C’è stato un abbraccio, non rappresenta solo io e lui, ma con tutti i giocatori che alleno. Alcuni mi guardano storto perché non giocano, ma c’è grande rispetto verso tutti gli elementi della squadra, cerco di far esprimere tutti al massimo. Il miglioramento in questi quindici mesi è stato ascoltare tutti quelli che mi circondano”.

Sul passato da calciatore: “Mi sono spogliato dai vestiti da giocatore da 4/5 anni, il vissuto da calciatore mi aiuta nelle dinamiche quando vedo un giocatore in difficoltà. Non do fiducia ai giocatori perché se la devono guadagnare con gli allenamenti”.

Sulla classifica: “Dobbiamo riposare bene e poi preparare la gara di venerdì contro l’Empoli”.

SEGUICI SUFacebook /// Twitter /// Instagram /// Telegram

SCARICA LA NOSTRA APPiOS /// Android

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy